Acea frena sulle aggregazioni in Toscana: è presto

Acea è alla finestra rispetto alla possibilità di aggregarsi, nella gestione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

acea-palazzoAcea è alla finestra rispetto alla possibilità di aggregarsi, nella gestione del servizio idrico, con altri soggetti pubblici, ad esempio in Toscana e in Umbria, cedendo in cambio le quote di maggioranza appartenenti a Roma Capitale.

Il presidente della multiutility, Catia Tomasetti, ha sottolineato che “con la legge di stabilità sono uscite norme importanti che potrebbero favorire aggregazioni, ma il percorso normativo non e’ definito e al momento apre anche ad altre possibilità oltre alle aggregazioni. Saranno fatte delle riflessioni e ci sono ottimi spunti perché un’Acea leader nel mercato idrico ragioni e valuti ma è inutile parlare di qualcosa che attualmente non ha un perimetro”.

Infine, una battuta: “Perché limitarci solo alla Toscana?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»