hamburger menu

Processo plusvalenze, la Procura federale chiede 9 punti di penalizzazione per la Juventus

Il procuratore Giuseppe Chinè oltre alla penalità chiede di condannare Agnelli, Paratici e Cherubini

Pubblicato:20-01-2023 14:05
Ultimo aggiornamento:20-01-2023 20:05
Canale: Sport
Autore:
agnelli_paratici_nedved_juventus
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – La procura della Figc ha chiesto nove punti di penalizzazione per la Juventus per il campionato in corso. La richiesta è arrivata in occasione dell’udienza presso la Corte d’appello federale incaricata di rivedere la sentenza di proscoglimento nei confronti della Juve e altri club sulla questione plusvalenze.

LEGGI ANCHE: L’opera buffa delle intercettazioni Juve: “La merda che c’è sotto…”

I CLUB COINVOLTI NEL PROCESSO PLUSVALENZE

L’udienza si svolge da remoto presso la Corte federale d’Appello a sezioni unite e discute il caso che vede coinvolti Juventus, Sampdoria, Empoli, Genoa, Parma, Pisa, Pescara, Pro Vercelli e il vecchio Novara.

LE RICHIESTE DELLA PROCURA FIGC

Il procuratore federale Giuseppe Chinè ha anche chiesto 16 mesi di inibizione per Andrea Agnelli, 20 mesi e 10 giorni per Fabio Paratici, 10 mesi per Federico Cherubini e 12 mesi per tutti gli altri consiglieri del club bianconero, ovvero Nedved, Garimberti e Arrivabene.

Chinè ha inoltre chiesto un’ammenda per gli altri club coinvolti, mantenendo immutate, rispetto al primo processo sulle plusvalenze, le richieste per le altre società e per i dirigenti deferiti. La Caf dovrà ora pronunciarsi sull’istanza di revoca della sentenza di assoluzione: a quel punto deciderà sulle richieste della Procura andando a sentenza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-01-20T20:05:02+01:00