hamburger menu

Turismo, Garavaglia annuncia proroga cassa Covid e misure di sostegno

Il ministro del Turismo risponde a un'interrogazione alla Camera e assicura l'importanza del sostegno agli operatori fino alla fine dell'emergenza

Imagoeconomica_Massimo Garavaglia ministro del Turismo

AOSTA – Si va verso il rifinanziamento e la proroga della cassa integrazione Covid per il 2022 per il comparto del turismo. Lo ha annunciato ieri in commissione alla Camera il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, rispondendo a un’interrogazione di Angela Masi (Movimento 5 stelle) di cui era firmataria anche la deputata valdostana Elisa Tripodi. “Ho manifestato al ministro dell’Economia e delle Finanze e al ministro del Lavoro e delle Politiche sociali l’importanza di garantire agli operatori del turismo il rifinanziamento e la proroga della cassa integrazione Covid-19 per il 2022 e, comunque, per il periodo di validità delle misure a contrasto della pandemia tuttora in vigore” ha detto Garavaglia nella risposta fornita in commissione e visionata dalla ‘Dire’.

Per il settore turistico, l’ipotesi è di “un ulteriore periodo massimo di 13 settimane, fino al 31 marzo, per i trattamenti di assegno ordinario e di Cassa integrazione guadagni in deroga, in favore dei datori di lavoro del comparto turistico che sono costretti a interrompere o ridurre l’attività produttiva per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da Covid-19″. Accanto alla cassa, gli operatori potranno “usufruire del credito d’imposta sia per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo, sia per quelli relativi all’affitto d’azienda, in relazione ai canoni versati nei primi mesi del 2022″. Saranno esentati “dal versamento della prima rata dell’Imu per gli immobili adibiti ad uso turistico-ricettivo“; saranno anche prorogate le “misure di sostegno finanziario alle imprese operanti nel comparto turistico”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-20T16:40:17+02:00