hamburger menu

De Luca lancia l’avventura “meridionalista”: “Sarò sindaco della Sicilia”

"Mi ricandiderò anche a Messina e se i messinesi decideranno così la città avrà un sindaco o una sindaca scelto all'interno della mia Giunta"

cateno de luca_sindaco messina

PALERMO – “Il mio obiettivo è diventare sindaco della Sicilia per tutelare i diritti dei siciliani, ma comunque da Messina non vado via”. Lo dice Cateno De Luca, sindaco della città dello Stretto, in una lunga nota in cui ricorda di avere firmato le sue dimissioni che avranno efficacia a partire dal 7 febbraio e con la quale lancia la sua scalata “meridionalista” alla Regione. De Luca, rivolgendosi ai messinesi, dice: “Io non andrò via da Messina e vi assicuro che mi ricandido. Sono stato costretto a dimettermi perché in questi tre anni è stato molto difficile lavorare. Con la mia squadra di assessori abbiamo lavorato con il freno a mano, operare in queste condizioni è ormai diventato impossibile e logorante. Pertanto, la legislatura si interrompe. Peccato, potevamo fare molte più cose se avessimo avuto un Consiglio comunale non rappresentato per la maggioranza da creduloni e ingenui”.

De Luca annuncia che sarà comunque presente alle prossime Amministrative nella città dello Stretto: “Mi ricandiderò anche a Messina e se i messinesi decideranno così la città avrà un sindaco o una sindaca scelto all’interno della mia Giunta. Sarò il capolista per fare il presidente del Consiglio comunale, ruolo che non ho mai ricoperto e che mi consentirà di candidarmi a presidente della Regione Siciliana, in quanto da sindaco non potrei candidarmi a governatore perché la legge non lo permette. Se i messinesi lo vorranno tornerò a Palazzo Zanca da presidente del consiglio comunale“.

De Luca poi prosegue: “Oggi Messina è diventata protagonista grazie alla scelta che i messinesi hanno fatto il 24 giugno 2018: siete voi a contribuire a fare diventare Messina un trampolino di lancio per la Sicilia, noi possiamo scrivere una nuova pagina di storia politica di tutta l’Italia perché dalla Sicilia può partire finalmente quel movimento meridionalista che sappia fare le barricate nei confronti di uno Stato che continua a ignorarci. Tutto riparte da Messina – ancora De Luca -. Non mi va che il Meridione continui ad essere calpestato e derubato, non mi va che il presidente della Regione siciliana non venga preso mai in considerazione, non mi va che tutti noi siamo considerati sudici”. Secondo il sindaco di Messina “proprio dalla Sicilia deve partire questa spinta meridionalista” perché “se sta bene il Meridione sta bene tutta l’Italia”.

LEGGI ANCHE: Arrivano le dimissioni del sindaco di Messina, in tenda per protestare contro il super green pass

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-20T11:27:31+02:00