Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo, Bettini: “Non c’è altra maggioranza, Pd non teme elezioni”

Così Goffredo Bettini, influente dirigente del Pd, ai microfoni di SkyTg24.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Abbiamo evitato una crisi drammatica e abbiamo i numeri per portare avanti la maggioranza ma abbiamo anche l’obbligo di affrontare l’emergenza della pandemia e di scrivere il Recovery Fund. Se durante l’emergenza si allargherà la maggioranza e si consoliderà il quadro, vorrà dire che potremo fare un patto di legislatura fino alla fine e avere un riassetto del governo. Se questo non accadrà si andrà alle elezioni, noi non abbiamo paura delle elezioni“. Così Goffredo Bettini, influente dirigente del Pd, ai microfoni di SkyTg24.

LEGGI ANCHE: DIRETTA| Pd apre alle elezioni: “Maggioranza c’è, ma non si governa così”

Se questo governo dovesse cadere non ce n’è un altro pronto, è questa la contraddizione di Renzi– spiega Bettini.- Un governo con tutti dentro, anche con la destra, sarebbe incomprensibile. Noi non lo voteremmo. Adesso c’è questa maggioranza, di cui Conte è la sintesi. Se non rafforziamo questo governo durante l’emergenza che stiamo vivendo, si va tranquillamente alle elezioni”.

Conte è un uomo di raccordo, un uomo di equilibrio. Non penso gli convenga fare un suo partito. Ora ha una sua popolarità, ridursi in un partito del 6-8-10% non penso sia la cosa migliore per lui e non credo che pensi di fare un partito. Il PD si identifica con le sorti della democrazia e della repubblica italiana, questa è la nostra forza. La nostra esigenza è andare oltre la sinistra, il M5S ha già fatto grandi passi politici in avanti ma anche verso quella che ho chiamato gamba popolare e liberale, che nell’opinione pubblica può arrivare anche al 10-15%. Bisogna ampliare il campo democratico”.

“L’accelerazione di Renzi- attacca Bettini- è incomprensibile, tanto che lui stesso attraverso Rosato ha detto dopo, e non prima, che in due ore si può risolvere tutto. Ma che serietà è? Non è un modo serio. Uso le parole di Conte: non si può fare finta di niente, è stata una ferita profonda.La stessa posizione dell’astensione è stato un modo per tener unito un gruppo che aveva un malessere e che secondo me non ha condiviso la scelta di mettere in difficoltà il governo. Penso che molti parlamentari IV si interroghino”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»