fbpx

Tg Sanità, edizione del 20 gennaio 2020

CELLULARI E TUMORI, SPERANZA: SONO VINCOLANTI I PARERI DI OMS E ISS

“Le sentenze si rispettano sempre e in ogni caso. Sulle materie di natura scientifica, per quanto mi riguarda, è vincolante quello che viene affermato dagli istituti internazionali di maggiore prestigio, a partire dall’Organizzazione mondiale della sanità e dall’Istituto superiore di sanità”. Risponde così il ministro della Salute, Roberto Speranza, interpellato dai giornalisti in merito alla decisione della Corte di Appello di Torino che ha confermato una sentenza pronunciata nel 2017 dal Tribunale di Ivrea, che aveva stabilito un ‘nesso di causalità’ tra l’abuso del cellulare e una particolare forma di tumore, benigno ma invalidante (il neurinoma del nervo acustico).

LINFOMA E PROTESI SENO, ZAMPA: CHIUSURA ITER REGISTRO TRA QUALCHE MESE

L’iter legislativo verso l’obbligatorietà del registro nazionale delle protesi mammarie richiederà “ancora qualche mese”. Lo ha fatto sapere all’agenzia Dire la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, sottolineando l’importanza che nel frattempo “tutti i chirurghi italiani registrino le proprie pazienti sull’attuale piattaforma, non solo per ragioni deontologiche ma soprattutto per la tutela della loro salute”. Ad oggi sulla piattaforma ci sono oltre 90 chirurghi abilitati, più di 1.200 pazienti registrate, quasi 2.000 procedure effettuate (circa 55% per finalità ricostruttive e 45% per finalità estetica), oltre 1.750 protesi impiantate e quasi 600 protesi rimosse. A chiedere al ministero italiano di rendere obbligatorio il registro delle protesi anche Terry McGregor e Raylene Hollrah, che ai microfoni della Dire hanno raccontato la loro esperienza di pazienti con linfoma anaplastico a grandi cellule dovuto alle protesi testurizzate Allergan, ora ritirate dal mercato.

ONCOLOGIA. TERAPIE AGNOSTICHE, VELLA (UNIV. CATTOLICA): SONO FUTURO DELLA CURA

Le terapie agnostiche sono il futuro della cura contro i tumori, perché forniranno a ogni paziente nuove e più efficaci chance di guarigione. Ne hanno discusso clinici, esperti ed esponenti delle più alte istituzioni riuniti al Senato in occasione dell’incontro ‘Le terapie oncologiche agnostiche. La nuova frontiera nella lotta ai tumori’. L’evento è stato promosso dall’Osservatorio Nazionale per i Diritti dei Malati, in collaborazione con l’Osservatorio Sanità e Salute e con il patrocinio del ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità. Coordinatore scientifico il professor Stefano Vella, dell’Università Cattolica Sacro Cuore di Roma. Ad intervenire anche Walter Ricciardi, da ottobre presidente del Mission board for cancer, l’organismo dell’Unione Europea chiamato a decidere le strategie comunitarie contro il cancro.

SIOT: NON SOLO CALCIATORE ZANIOLO, OGNI ANNO INFORTUNATI IN 150MILA

Il dramma sportivo che ha colpito il giocatore della Roma e della Nazionale Nicolò Zaniolo, vittima della rottura del legamento crociato al ginocchio nel corso del big match dell’Olimpico tra Roma e Juventus, è solo la punta dell’iceberg di un fenomeno molto più esteso. Ogni anno infatti le distorsioni e le rotture del legamento crociato anteriore colpiscono circa 150mila persone, la maggior parte delle quali sono atleti. È quanto risulta dalle statistiche della Società italiana di Ortopedia e Traumatologia, secondo cui si tratta di “un tasso di incidenza tra gli infortuni sportivi particolarmente elevato e in aumento nel calcio visto l’elevato numero di praticanti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

20 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»