Brunetta: “Se cybersecurity a Carrai andiamo da Mattarella”

ROMA - "E' una vicenda troppo grave. Il presidente della Repubblica dovrà essere consultato perché ne va delle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ una vicenda troppo grave. Il presidente della Repubblica dovrà essere consultato perché ne va delle sicurezza del Paese”. Lo dice Renato Brunetta, lasciando il Copasir a proposito della possibile attribuzione a Marco Carrai dell’agenzia per la cybersecurity.

R. Brunetta
R. Brunetta

“Se fosse confermato la cosa sarebbe talmente grave che dovremo cercare il presidente della Repubblica“, aggiunge Brunetta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»