Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Magrini (Aifa): “Subito terza dose, poi servirà un richiamo del vaccino ogni sei mesi”

vaccino_coronavirus
"All'inizio pensavamo di andare verso un richiamo annuale ma con questo scenario epidemiologico è probabile che le iniezioni saranno più frequenti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fare subito la terza dose di vaccino perché protegge dalla variante Omicron ma sapendo già che “ne servirà un’altra nel 2022, magari tra sei mesi”. A dirlo è Nicola Magrini, direttore generale dell’Aifa, che intervistato da La Stampa insiste sull’importanza del vaccino, appoggia l’ipotesi di ridurre da 9 a 6 mesi la validità del Green Pass “per evitare discrepanze con i tempi previsti per la terza dose” e auspica nel 2022 “di vaccinare almeno il 60% della popolazione mondiale”, altrimenti “sarà difficile superare la crisi”.

Servirà una ulteriore iniezione dopo il booster? “Sappiamo che servirà- replica Magrini- dobbiamo solo decidere quando. E’ noto che diversi vaccini si giovano della terza dose con un importante consolidamento dell’efficacia, per questo all’inizio pensavamo di andare verso un richiamo annuale ma con questo scenario epidemiologico è probabile che le iniezioni saranno più frequenti, magari una ogni sei mesi”. Secondo Magrini “la strategia chiave per uscire dall’emergenza pandemica è incrementare i livelli di copertura vaccinale, non solo nel nostro Paese e in Europa, ma anche nel Sud del mondo”. Per questa ragione, in merito al programma Covax, “serve maggior coordinamento, fare in modo che le dosi di vaccino promesse arrivino nei tempi previsti ai Paesi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»