Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gli scatti del contest #Vdamountainday esposti a Leverogne

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(DIRE – Notiziario Turismo e Sport) Aosta, 19 dic. – Gli scatti più suggestivi delle edizioni 2019 e 2020 del photo contest #vdamouintainday si sono impossessate del borgo di Leverogne, nel Comune di Arvier in Valle d’Aosta, dando vita ad un’inedita mostra a cielo aperto, inaugurata in occasione della Giornata internazionale della montagna. Le 18 fotografie dedicate alla montagna valdostana rimarranno esposte fino alla fine del prossimo anno.

“Non abbiamo ritenuto opportuno, vista la situazione di contesto, organizzare un evento pubblico- ha spiegato il sindaco di Arvier Mauro Lucianaz- ma ognuno, con i propri tempi, potrà godersi la scoperta delle immagini disseminate nel nostro borgo storico”. Soddisfatta dell’iniziativa anche Laura Agostino, direttore artistico di #vdamountainday: “E’ per noi un piacere- ha affermato- vedere le foto dei nostri concorrenti valorizzata in questa mostra a cielo aperto. Invitiamo i partecipanti delle due ultime edizioni a venire ad Arvier, per vedere se le loro foto sono fra quelle selezionate. Infatti sono state rimesse in gioco tutte le foto iscritte e non solamente quelle che erano già state scelte dalle giurie. Vi erano infatti foto molto belle, purtroppo escluse perché fuori tema, che qui hanno trovato una loro collocazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»