Scuola, a Bologna c’è l’accordo: superiori pronte a riaprire il 7 gennaio

scuola vuota
Lo annuncia Giuseppe Antonio Panzardi dell'Usr di Bologna alla luce dell'intesa locale su orari e mezzi di trasporto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Abbiamo gia’ raggiunto un accordo e dal 7 gennaio tutte le scuole dell’ambito bolognese saranno in grado di garantire il 75% delle lezioni in presenza“. Quindi, dopo le feste anche gli studenti scuole superiori torneranno in classe “grazie al grandissimo sforzo di tutti”, come sottolinea Giuseppe Antonio Panzardi dell’Usr di Bologna alla luce dell’intesa locale su orari e mezzi di trasporto.

L’esponente dell’ufficio scolastico era stamane in diretta streaming per la premiazione della prima edizione del concorso rivolto alle scuole “Idee giovani e vincenti per lo sviluppo sostenibile” organizzato dalla Citta’ metropolitana nell’ambito del Festival della cultura tecnica. Il concorso ha coinvolto 43 classi di 16 scuole bolognesi vedendo alla fine premiati tre lavori.

Siete stati voi scendendo in piazza a richiamare l’attenzione delle istituzioni sui cambiamenti climatici e l’insostenibilita del nostro stile di vita”, ha detto a nome del sindaco, Virginio Merola, il capo di gabinetto della Citta’ metropolitana, Giuseppe De Biasi. “Lo abbiamo visto nei giorni scorsi con l’esondazione del Panaro”. All’inizio della seconda ondata, rivela il direttore generale di Palazzo Malvezzi Giacomo Capuzzimati, “avevamo pensato di sospendere il concorso, ma poi abbiamo sentito un grande entusiasmo, una grande spinta ad arrivare fino in fondo. Il risultato finale ci dice che abbiamo fatto bene”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»