Protesta al ministero Pa: “Vergognosi 20 euro di aumento per i contratti pubblici”

ROMA - "Stiamo manifestando sotto il ministero della Funzione Pubblica, perche' questo governo, detto del 'cambiamento', non si occupa seriamente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Stiamo manifestando sotto il ministero della Funzione Pubblica, perche’ questo governo, detto del ‘cambiamento’, non si occupa seriamente del mondo del lavoro ma, di fatto, utilizza il denaro pubblico per l’assistenzialismo”. Lo dichiara da piazza Vidoni Massimo Battaglia, segretario generale della Federazione Confsal-Unsa, sindacato fortemente rappresentativo nel pubblico impiego. “Per i lavoratori pubblici ci sono 20 euro lordi a testa nella Legge di Bilancio per i rinnovi contrattuali.

E’ una vergogna ed e’ un’offesa per il pubblico impiego che ha gia’ pagato il prezzo piu’ caro della crisi negli ultimi 10 anni” continua Battaglia, che conclude: “L’Unsa chiede con forza al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e al ministro per la Pa, Giulia Bongiorno, di costruire politiche di rilancio della pubblica amministrazione e del suo personale. Senza di questo, saremo tutti condannati al crollo definitivo del sistema pubblico, con ricadute drammatiche sui servizi erogati e sugli stessi fondamenti della democrazia”.

Una delegazione Unsa e’ stata ricevuta a fine mattina dal capo di Gabinetto del ministro Bongiorno che si e’ impegnato, a nome del governo, a trovare le ulteriori risorse nella legge di stabilita’ del 2019 chiudendo il Ccnl entro il prossimo anno con un aumento medio previsto di 125 euro lordi. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»