hamburger menu

Arriva il maltempo: prima il vortice mediterraneo, poi la ‘tempesta di Santa Cecilia’

Piogge e temporali già da sabato, ma il clou arriverà martedì 22 novembre

Pubblicato:19-11-2022 11:49
Ultimo aggiornamento:21-11-2022 14:37
Canale: Ambiente
Autore:
vento_maltempo
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Si prospettano giornate di maltempo in Italia, già a partire da questo fine settimana. “Ci attende un weekend movimentato dal punto di vista meteorologico, per un vortice mediterraneo che coinvolgerà soprattutto il Centro-Sud“, lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega: “Sabato piogge e temporali guadagneranno gran parte del Centro Italia e si estenderanno progressivamente anche al Sud, Sardegna, Sicilia; nevicate sull’Appennino centro-settentrionale a tratti anche sotto i 1500-1600 metri di quota. Ai margini il Nord con precipitazioni in risalita essenzialmente tra Emilia orientale, Romagna e basso Veneto”.

LE PREVISIONI PER DOMENICA 20 NOVEMBRE

L’esperto prosegue: “Domenica il maltempo si concentrerà soprattutto al Sud con piogge, temporali e locali nubifragi non esclusi; residue piogge anche al Centro, specie lato Adriatico, ma in progressivo esaurimento, mentre il sole sarà prevalente su gran parte del Nord e Toscana, salvo nebbie o nubi basse in Valpadana specie tra notte e mattino e lungo il Po”. Il tutto, prosegue Ferrara, “sarà accompagnato da un deciso rinforzo dei venti dapprima di Libeccio e Ponente, poi di Maestrale e Tramontana con mari molto mossi o agitati, specie al Centro-Sud; tutto questo contestualmente ad un calo delle temperature specie domenica; saranno possibili locali gelate al Nord fin sotto i 500 metri”.

ARRIVA LA TEMPESTA DI SANTA CECILIA

Nella prossima settimana arriva poi la ‘Tempesta di Santa Cecilia’. Lunedì breve tregua ma appena ad ovest dell’Italia andrà approfondendosi un profondo ciclone, i cui primi effetti si concretizzeranno già dalla sera su Nord-Ovest, versante tirrenico e Isole maggiori, con prime nuove precipitazioni.

“Ma il clou di questa nuova e intensa ondata di maltempo sarà martedì 22 novembre (Santa Cecilia, patrona di musicisti e cantanti) – avvertono da 3bmeteo.com – quando il ciclone si potenzierà ulteriormente e attraverserà l’Italia dal Tirreno all’Adriatico. In questa fase avremo maltempo generalizzato con piogge e temporali diffusi da Nord a Sud, ma talora particolarmente intensi e violenti lungo tutto il versante tirrenico dalla Toscana a Lazio, Umbria, Campania, Calabria, Lucania, Sicilia: su queste aree previsti picchi anche di oltre 100mm, così come oltre 60-70mm potranno essere raggiunti Nordest e Levante Ligure. Nevicate talora copiose potranno interessare le Alpi dai 1000-1300m (localmente anche a quote inferiori, specie Dolomiti) e l’Appennino dai 1000-1500m (anche più in basso su quello settentrionale)”.

Il tutto, concludono da 3bmeteo.com, “sarà accompagnato da burrasche di vento dapprima di Scirocco e Libeccio, poi di Ponente e Maestrale con raffiche anche di oltre 90-100km/h al Centro-Sud, mareggiate sulle coste esposte e difficoltà nei collegamenti con le Isole minori; possibile inoltre l’acqua alta sia a Venezia che Chioggia. Non esclusi locali criticità idrogeologiche per le forti piogge e danni causati dal vento, prestare attenzione. Le temperature saranno inoltre in calo con arrivo di aria più fredda a partire da Nord”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-11-21T14:37:29+01:00