Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Addio a Nonna Peppina, simbolo dei terremotati del Centro Italia

giuseppina fattori_nonna peppina_screenshot
Non si era mai voluta allontanare dalle macerie della sua casa, distrutta nel 2016 e ancora non ricostruita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È morta a 98 anni Giuseppina Fattori, conosciuta in tutta Italia come ‘Nonna Peppina’: dopo il devastante sisma del 2016 era diventa il simbolo della forza dei terremotati di tutte le regioni del Centro colpite. La sua abitazione a San Martino di Fiastra (Macerata) era ridotta in macerie, Peppina si era insediata in una casetta di legno proprio lì accanto, poi giudicata abusiva. Solo un intervento ad hoc aveva sanato la situazione.

“Si è spenta oggi Giuseppa Fattori, nonna Peppina di San Martino di Fiastra, simbolo dell’attaccamento alla propria terra, della forza e della determinazione delle popolazioni terremotate. Alla sua famiglia le più sentite condoglianze”, ha scritto su Facebook il presidente di Regione Marche, Francesco Acquaroli.

“Ciao dolce Peppina, che ci hai ricordato che bisogna combattere per i propri diritti, sempre e comunque. Che non te ne volevi andare dal tuo borgo, perché le radici sono importanti, perché senza memoria non c’è futuro– è il ricordo dell’ex sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi-. Ciao Peppina, l’esempio sopravvive agli uomini e resta nella storia. Un abbraccio forte alla tua famiglia e a chi ti ha voluto bene”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»