Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Processo Miramare, Falcomatà condannato a un anno e 4 mesi

Per effetto della legge Severino sarà sospeso dalla carica di sindaco di Reggio Calabria e della Città metropolitana per 18 mesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Un anno e 4 mesi ai danni dell’attuale sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, è la condanna emessa oggi dal Tribunale di Reggio Calabria, presidente del collegio Fabio Lauria, al termine del processo Miramare. Nel corso del procedimento è stato inflitto un anno agli altri imputati, gli ex assessori comunali della prima giunta Falcomatà: Saverio Anghelone, Armando Neri, Rosanna Maria Nardi, Giuseppe Marino, Giovanni Muraca, Agata Quattrone e Antonino Zimbalatti, l’ex segretaria comunale Giovanna Acquaviva, l’ex dirigente comunale Maria Luisa Spanò e l’imprenditore reggino Paolo Zagarella.

I pm della Procura reggina, Walter Ignazitto e Nicola De Caria, a conclusione della requisitoria avevano chiesto 1 anno e 10 mesi per il sindaco e 1 anno e 8 mesi per tutti gli altri. I reati contestati: abuso d’ufficio e falso, erano relativi alle presunte irregolarità emerse nell’affidamento dell’albergo Miramare di proprietà del Comune ad una associazione, Il sottoscala, riconducibile all’imprenditore Zagarella.

Per effetto della legge Severino, Giuseppe Falcomatà sarà sospeso dalla carica di sindaco di Reggio Calabria e della Città metropolitana per 18 mesi. Lo stesso provvedimento riguarderà l’attuale vicesindaco metropolitano e consigliere comunale Armando Neri, l’attuale consigliere comunale e metropolitano Antonino Zimbalatti, l’attuale assessore comunale ai lavori pubblici Giovanni Muraca, l’attuale consigliere comunale e metropolitano Giuseppe Marino e l’attuale consigliere comunale Saverio Anghelone.

“La sentenza la commenteremo quando avremo letto le motivazioni. Il Tribunale ha dato credito alla tesi della Procura, per ciò che concerne il primo capo di imputazione, e ha dato ragione a noi per il secondo capo. È una prima tappa, poi ci sarà l’appello. La sospensione è prevista dalla legge. L’amministrazione andrà avanti, nei prossimi giorni saprete quelle che sono le decisioni prese e saranno frutto di una valutazione che farò con il partiti. Stessa cosa per quanto riguarda il futuro della Città metropolitana”. Così il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà a margine della sentenza del processo Miramare che lo ha condannato ad un anno e 4 mesi per il reato di abuso d’ufficio. Per il secondo capo d’accusa, il falso, il Tribunale lo ha assolto.

DOPO CONDANNA NERI FALCOMATÀ NOMINA VERSACE VICESINDACO METROPOLITANO

Il sindaco metropolitano di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà ha disposto oggi l’atto di nomina del vicesindaco della Città metropolitana che sarà Carmelo Versace. Versace manterrà le deleghe delle quali si è fino ad oggi occupato. Il sindaco ha espresso un sincero ringraziamento per il lavoro svolto al già vicesindaco Armando Neri, quest’ultimo anch’esso condannato ad un anno nel processo Miramare conclusosi oggi al Tribunale di Reggio Calabria. Per Neri scatterà la sospensione di 18 mesi per gli effetti della legge Severino. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»