Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Allarme deforestazione in Amazzonia: mai così da 15 anni

brasile_foresta
In Brasile la superficie devastata dai disboscatori tra il 2020 e il 2021 è stata equivalente a 13.235 chilometri quadrati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ritmo della deforestazione nell’Amazzonia brasiliana è aumentato tra l’agosto 2020 e il luglio 2021 del 22 per cento rispetto all’anno precedente, con un primato negativo senza precedenti dal 2005: lo indicano dati dell’Instituto Nacional de Pesquisas Espaciais (Inpe), un ente statale che si occupa anche di rilevazioni satellitari.

Secondo le stime, parte di un programma denominato Prodes, la superficie devastata dai disboscatori tra il 2020 e il 2021 è stata equivalente a 13.235 chilometri quadrati. Tra il 2005 e il 2006 era stata di 14.286 chilometri quadrati. Nonostante le accuse rivolte dalle organizzazioni ambientaliste al governo del presidente Jair Bolsonaro, il Brasile figura tra gli oltre cento Paesi che si sono impegnati ad arrestare la deforestazione entro il 2030. L’occasione è stata la Cop26, la conferenza sul contrasto ai cambiamenti climatici che si è tenuta nella città scozzese di Glasgow tra il 31 ottobre e il 13 novembre.

LEGGI ANCHE: Cop26, regge l’accordo sull’aumento di 1,5 gradi. Deludono fondi ai Paesi poveri

Alla Cop26 cento Paesi firmano per lo stop alla deforestazione entro il 2030

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»