fbpx

Tg Pediatria, edizione del 19 novembre 2020

– TUBERCOLOSI, DAL 2010 IN CAMPANIA AUMENTO CASI FINO A 10 VOLTE

“Dal 2010 in Campania si è verificato un aumento di bambini con malattia tubercolare da sei a dieci volte in più. Il coefficiente di correlazione lineare mostra negli ultimi 10 anni una linea retta che collega questo aumento di casi al tasso regionale di bambini migranti”. Lo fa sapere Alfredo Guarino, responsabile Uoc malattie infettive pediatriche del Policlinico Federico II, dove è presente il centro regionale per la tubercolosi in età pediatrica.

– COVID, GALLI (MEYER): NO INDICAZIONE SCIENTIFICA PER UTILIZZO LATTOFERRINA

“Scientificamente non c’è un’indicazione che possa supportare chiaramente questo utilizzo e non c’è nessuna dimostrazione che la lattoferrina prevenga e tratti l’infezione da Sars-Cov-2”. A chiarirlo è Luisa Galli, responsabile della struttura malattie infettive dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, entrando nel dibattito a proposito dell’utilizzo della lattoferrina nella prevenzione e nel trattamento del Covid-19.

– VILLANI: A NOVEMBRE CONGRESSO STRAORDINARIO SIP DEDICATO A PANDEMIA

“In un anno così particolare, come questo della pandemia, era molto importante fare il punto della situazione. Come Società italiana di pediatria abbiamo deciso di darci appuntamento per un Congresso straordinario digitale che accoglie tutti i gruppi di studio della Sip, le sezioni regionali e tutte le società affiliate, ognuna delle quali darà un contributo”. Alberto Villani, presidente della Sip, introduce così il congresso straordinario digitale intitolato ‘La Pediatria italiana e la pandemia da SARS-CoV-2’, in programma venerdì 27 e sabato 28 novembre sulla piattaforma Health Polis.

– VIDEOGIOCHI, LO STUDIO: IN LOCKDOWN PIÙ ACCESSI PS PER CONVULSIONI

“Durante il periodo del lockdown abbiamo assistito a un aumento degli accessi in Pronto soccorso di bambini e ragazzi con crisi convulsive. E plausibile che ad agire come innesco di queste crisi siano stati i cambiamenti nel ritmo del sonno e un maggior utilizzo dei device elettronici”. E la conclusione a cui arriva uno studio condotto presso l’Ospedale pediatrico Santobono-Pausilipon di Napoli nel pieno della fase 1 della pandemia. “I videogiochi adrenalinici sono quelli che danno una stimolazione luminosa più intensa”, spiega Vincenzo Tipo, direttore del Pronto soccorso e tra gli autori dello studio.

– COVID, SIP CALABRIA: CAUSE NEUROLOGICHE È TREND IN ASCESA PER RICOVERI

Febbre di 24 ore, tosse, mal di gola e ostruzione nasale. Generalmente l’infezione da Covid-19 nei bambini decorre con sintomi lievi, ma “la recente letteratura ha segnalato che in età pediatrica l’infezione è correlata anche a un aumento di manifestazioni neurologiche e neuropsichiatriche”. A fare il punto è Maria Rosa Velletri, pediatra e consigliera junior della Sip Calabria.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

19 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»