Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Omicidio Manduca, Bonetti: “Impegno del governo a sostenere gli orfani di femminicidio”

Il 9 dicembre ci sarà l'appello sul caso degli orfani di Marianna Manduca, uccisa nel 2002, ai quali l'Avvocatura chiede di bloccare il risarcimento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Confermo l’impegno del governo a sostenere gli orfani di femminicidio”. Risponde con fermezza la ministra delle Pari Opportunità, Elena Bonetti, all’appello introduttivo della Vicepresidente della Camera dei deputati, Mara Carfagna, in occasione della conferenza stampa di oggi pomeriggio dedicata al progetto in partnership Carrefour, WeWorld e Differenza sul 1522.

LEGGI ANCHE: Omicidio Manduca, la Cassazione accoglie ricorso orfani sul risarcimento

Mara Carfagna, assente per quarantena fiduciaria, nel messaggio letto dalla sua portavoce, ha ricordato che “il 9 dicembre ci sarà l’appello sul caso degli orfani di Marianna Manduca, uccisa nel 2002, ai quali l’Avvocatura chiede di bloccare il risarcimento”. Ha precisato Bonetti: “Un conto è la parte processuale che compete alla magistratura sul dolo dei giudici, ma sul sostegno economico agli orfani possiamo ragionare in coerenza con l’impegno di questo governo sull’attuazione e finanziamento, un anno fa, del Fondo per gli orfani di femminicidio che era in stallo“. E il messaggio della ministra, a partire da questo caso di cronaca paradigmatico, ha puntato molto sull’importanza di reinserire le donne che hanno vissuto violenza nel tessuto sociale e lavorativo e di ragionare sulla “violenza economica” che hanno subito, spesso, insieme a quella fisica.

LEGGI ANCHE: Parla il figlio di Marianna Manduca: “Nessuno ha ascoltato mia madre”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»