Basilicata, 22milaeuro dal Fai per la riqualificazione dei laghi di Monticchio

"La Regione Basilicata, ha detto l'assessore Gianni Rosa, lavorerà per fare in modo che questo splendido luogo torni al suo antico splendore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Allestimento di un infopoint, sistema di pannelli tattili, contenuti audio e video lungo un sentiero in fase di recupero. Sono gli interventi di riqualificazione previsti ai laghi di Monticchio grazie alle risorse stanziate dal Fai e da Intesa Sanpaolo e pari a 22mila euro.

Con 31.907 voti i laghi di Monticchio si sono classificati al sesto posto della nona edizione del censimento nazionale dei luoghi del cuore Fai nel 2018 e sono stati selezionati come luogo virtuoso per ricevere finanziamenti da parte del Fai per la loro valorizzazione, recupero e riqualificazione.

L’intervento si inserisce in un programma più ampio di attività di riqualificazione dell’area: il Parco del Vulture attraverso il programma operativo Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) 2014-2020 ha ottenuto 940mila euro per interventi volti alla riqualificazione del sito. I dettagli del progetto, che ha come testimonial Vladimir Luxuria, Francesca Barra e Claudio Santamaria, sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore all’Ambiente Gianni Rosa.

La Regione Basilicata – ha detto l’assessore – lavorerà per fare in modo che questo splendido luogo torni al suo antico splendore. Abbiamo avviato un processo volto al ritorno della legalità dei laghi di Monticchio considerato che molte aree pubbliche sono occupate da privati e non più fruibili. In questa azione di ritorno alla legalità, che ha trovato la piena collaborazione del commissario del parco Francesco Ricciardi, abbiamo coinvolto i Comuni di Rionero e di Atella”.

L’azione di razionalizzazione dei luoghi con il coinvolgimento dei Comuni “prevede anche l’assegnazione delle casette in legno costruite per ospitare le attività commerciali e che invece oggi operano nei manufatti abusivi da bonificare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»