Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sgombero alla cavallerizza di Torino, 14 indagati

L'edificio patrimonio Unesco era occupato da ormai cinque anni e lo scorso 21 ottobre era stato in parte distrutto da un incendio doloso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TORINO – Tutti fuori dalla Cavallerizza Reale di Torino. Come informa la Questura di Torino infatti “è in corso l’operazione di sgombero degli occupanti”. L’edificio, patrimonio Unesco, “verrà messo in sicurezza in vista di una complessiva riqualificazione dell’area”.

LEGGI ANCHE: Appendino: “Rilancio della Cavallerizza Reale è prioritario”

Venerdì 8 novembre è stato fermato l’autore dell’incendio doloso che aveva distrutto parte dello stabile (scuderie e zona dell’ex circolo del dopolavoro) il 21 ottobre.

Dentro alla Cavallerizza Reale di Torino ci sono ancora 14 persone, che saranno tutte indagate per reato di invasione di terreni ed edifici.

L’operazione di sgombero è scattata alla scadenza del termine fissato nell’accordo siglato tra il Comune di Torino e gli occupanti, di cui la maggior parte aveva già lasciato l’immobile. Tra chi è rimasto invece, come riporta la Questura, sette sono stati trovati nell’ala ‘lunga’, ‘corta’ e nel cortile della Cavallerizza. Di questi: quattro sono italiani (due affidati ai Servizi sociali) e sei stranieri, di cui un albanese e un marocchino che saranno “immediatamente trattati dall’Ufficio immigrazione della Questura di Torino in quanto irregolari sul territorio nazionale”, informano le Forze dell’ordine. Tra loro anche un egiziano di 20 anni, già noto per precedenti per furto e minacce, nuovamente sottoposto a fermo per tre episodi di rapina, tutti ai danni di alcuni minimarket nella zona di via Rossini.

L’area vicina al lato dell’Aula Magna invece, era occupata da tre riders e da un libanese regolare. “Tutti gli occupanti verranno indagati per invasione di terreni ed edifici- informa la Questura- alcuni di essi verranno, inoltre, indagati per furto di energia elettrica”. Dopo l’intervento del Commissariato infatti, gli occupanti si sono di nuovo ricollegati abusivamente ai cavi elettrici. La Cavallerizza, conclude la Questura, ora è sotto sequestro preventivo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»