Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini: “Boeri? Si candidi alle primarie del Pd”

Salvini lo ha detto a Milano durante un convegno organizzato al Palazzo delle Stelline
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi l’articolo:

ROMA – “Boeri potrebbe candidarsi alle primarie del Pd”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini durante un convegno organizzato al Palazzo delle Stelline, a Milano. “È un paese strano questo, dove dipendenti pubblici pagati con i soldi dei cittadini fanno contestazioni politiche. Io vado avanti se non mi fanno saltare– chiude Salvini- perché sono testone”.

Il presidente dell’Inps “è ormai da mesi in campagna elettorale con il Pd e magari sfiderà Minniti” insiste Salvini poco dopo, all’avvio della due giorni di conferenze con esponenti politici di spicco “Idn 2018. Persone che hanno qualcosa da dire”, in corso alla Fondazione Stelline di corso Magenta a Milano. Interpellato sulle dichiarazioni del presidente dell’Inps Tito Boeri che parla di “conti sbagliati” per “quota 100”, Salvini dice di essere “orgoglioso che questo sia un governo che passa delle parole ai fatti: ci eravamo impegnati con gli italiani a cominciare a smontare una legge ingiusta come la legge Fornero e in questa manovra economica ci sono i primi miliardi di euro per aiutare migliaia di italiani a uscire dalla gabbia che si chiama legge Fornero”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»