Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Assobiomedica: “Solo 4 Regioni su 21 rispettano i tetti di spesa”

Apparecchiature-sanitarie
Così Luigi Boggio, presidente di Assobiomedica, nel corso dell'Assemblea dell'associazione di Confindustria (che rappresenta le imprese di dispositivi medici), in corso oggi a Roma presso Palazzo Wedekind.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Apparecchiature sanitarieROMA – “Imporre acquisti centralizzati al massimo ribasso e tetti di spesa a livelli inconcepibili, rispettati oggi solo da 4 regioni su 21, non fanno altro che avallare modalità di gestione della spesa poco strategiche, che non guardano a un miglioramento né del Servizio sanitario nazionale né del trattamento del paziente”. Così Luigi Boggio, presidente di Assobiomedica, nel corso dell’Assemblea dell’associazione di Confindustria (che rappresenta le imprese di dispositivi medici), in corso oggi a Roma presso Palazzo Wedekind.

“Molti amministratori- ha proseguito- non hanno ancora chiaro che le moderne tecnologie mediche, se acquistate in modo appropriato e con una pianificazione sanitaria a monte, fanno risparmiare. Introdurre dispositivi medici di ultima generazione, infatti, riduce i tempi di ospedalizzazione del paziente, così come integrare i servizi con l’assistenza domiciliare fa risparmiare sui costi di gestione e del personale”.

Secondo Boggio, quindi, servono “interventi mirati all’efficienza e all’appropriatezza del sistema- ha sottolineato- che introducano percorsi diagnostico-terapeutici per la gestione dei pazienti, un piano nazionale per combattere le infezioni ospedaliere, interventi di appropriatezza diagnostica e specialistica. In questo modo, si sarebbero risparmiati quasi 2 miliardi l’anno, le stesse risorse tagliate in modo lineare con un vantaggio in termini di prestazioni e di competitività- ha concluso il presidente di Assobiomedica- sia per i cittadini che per l’industria”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»