Comunali Roma, Bernaudo: “Calenda insegue il Pd, non può cambiare la città”

Intervista ad Andrea Bernaudo, già consigliere regionale del Lazio e presidente di Liberisti italiani, che conferma la sua intenzione di candidarsi a sindaco di Roma
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Chi si candida a sindaco di Roma per cambiarla davvero, come me, non chiede il sostegno del Pd che ha costruito il ‘sistema Roma‘, governando 20 degli ultimi 30 anni. Un sistema che noi vogliamo cambiare, nella Capitale e in Italia, e chiediamo il sostegno dei romani che quel sistema di potere lo hanno subito e lo subiscono ogni giorno, un sistema dirigista e parastatale“. Sono le parole di Andrea Bernaudo, già consigliere regionale del Lazio e presidente di Liberisti italiani, confermando la sua intenzione di candidarsi a sindaco di Roma. “Del patto scellerato Pd-Cinque Stelle vediamo ogni giorno il riverbero in una Capitale al collasso- aggiunge- dove l’opposizione del Pd brilla per assenza. Raggi, Zingaretti e Calenda, ove mai raccogliesse il consenso del Pd, sono ingredienti diversi della stessa zuppa statalista, di cui i romani sono nauseati. Chi vuole voltare pagina non si può accontentare delle foglie di fico del vecchio album di famiglia del sistema di potere che governa la Capitale”. “#liberiamoRoma non è solo uno slogan, ma un appello all’unità di tutte le forze liberali che si contrappongono al M5S e al Pd” conclude Bernaudo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»