La storia di Claudia Hausmann, volontaria Afron: “Fortunata ad essere nata in questa parte del mondo”

Il suo incontro con l'associazione oncologia per l'Africa onlus (Afron) dopo la diagnosi di cancro al seno: "Solo grazie alle cure che ho potuto fare in Italia posso dire di essere viva"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Mi sento riconoscente e fortunata perché non ho alcun merito per essere nata qui, in questa parte del mondo“. A spiegare così la sua scelta di essere volontaria di Afron, oncologia per l’Africa onlus, associazione da dieci anni impegnata nella lotta ai tumori in Uganda, è Claudia Hausmann, 50 anni, che quando ne ha 38, a Milano, nel pieno della carriera, di una vita felice e con un figlio di meno di 3 anni, riceve la diagnosi di cancro al seno.
Da quel momento all’operazione passano una manciata di giorni: “Mastectomia e ricostruzione con protesi, chemio, terapia monoclonale perché il mio tumore– come racconta alla Dire- era bello aggressivo, Her2 positivo. Svuotamento ascellare, tanta fisioterapia per il braccio, ero arrivata a pesare 40 kg sotto chemio, vomitavo sempre”.

La rinascita arriva verso la fine del percorso con il trasferimento da Milano a Roma. “La normalità é stato un rifiorire- racconta- tornando a Roma ho lasciato il lavoro nel marketing e ho cambiato vita, avendo avuto il privilegio di poterlo fare. La priorità era stare con mio figlio e ho ripreso in mano il canto, la mia grande passione”. L’incontro con l’Uganda arriva “a novembre 2016. Sono stata invitata a Kampala dal precedente ambasciatore- racconta- per la settimana della cultura italiana e ho cantato con la band locale.
Tra gli invitati, ad ascoltarmi, c’era Titti Andriani, la presidente di Afron. Stando lì mi sono resa conto del mio enorme privilegio- confessa Claudia- solo grazie alle cure che ho potuto fare in Italia posso dire di essere viva”. Da quella serata, a Roma, Claudia Hausmann è diventata la voce di Afron e organizza “serate gratuite per raccolte fondi”.
Alle donne raccomanda la prevenzione che lei seguiva annualmente: “Mi vengono i brividi- ammette- quando sento di persone che non si controllano. È necessario”. L’invito per le donne che stanno affrontando la malattia è di “non mollare e affidarsi a una figura di riferimento durante il percorso, qualcuno di cui fidarsi: per me- racconta- è stata Alessandra Gennari, ora primaria oncologa a Novara e diventata un’amica”. La forza Claudia l’ha tirata fuori grazie a suo figlio: “Non esiste che muoio, devo vederlo crescere”, ripeteva di continuo a se stessa. Ora, nonostante sia tutto fermo per la pandemia, pensa ai prossimi progetti: “Non sono mai andata in missione con Afron in Uganda– ammette- ci vorrei proprio andare”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»