“Siamo all’ultimo miglio”, l’ottimismo di Di Maio che fa arrabbiare gli utenti

Su Facebook il leader del Movimento 5 stelle si lascia andare all'ottimismo: "Non abbiamo limitato le libertà personali e presto arriverà anche il vaccino". Ma gli utenti non sono molto d'accordo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La tempesta ancora non è passata, ma siamo all’ultimo miglio. Mostriamoci più forti di questo virus. Resistere, resistere e reagire. Con responsabilità. Per la vita e per l’Italia”. Lo scrive su facebook Luigi Di Maio, ministro degli Esteri.

“Con il nuovo dpcm– aggiunge- introduciamo misure anti Covid più stringenti ma non limitiamo le libertà delle persone. Inoltre salvaguardiamo la scuola, le famiglie e le nostre imprese. Presto arriverà il vaccino e torneremo a guardare avanti. E torneremo, finalmente, ad abbracciarci”.

Molti i commenti critici degli utenti sotto il suo post, da chi gli rinfaccia la chiusura degli sport (“Vi siete dimenticati di salvaguardare i nostri ragazzi, gli avete tolto lo sport!”) a chi ironicamente non prende bene la questione dell’Ultimo miglio”. Uno scrive: “Hai detto bene. L’Italia è all’ultimo miglio. È un paese al collasso”, e un altro gli fa eco: “L’ultimo miglio prima del precipizio…”. Oppure, ancora: “Ultimo miglio? Poi dopo il covid avremo un anno per ambientarci al vaccino e 10 per riprenderci dallo shock al quale il popolo italiano è stato sottoposto 80 giorni chiusi in casa come gli appestati”.

Un altro utente, invece, non è d’accordo con il fatto che non sarebbero state limitate le libertà: “Certo! Vietando il diritto ad assemblee e convegni sancito dall’art 17 della Costituzione, non avete limitato la Liberta delle persone?”. Qualcuno infine si chiede anche questo: “Se mi spiega i sacrifici che state facendo voi…. ne sarei felice”.

LEGGI ANCHE:

Nuovo Dpcm e coprifuoco, i sindaci non ci stanno: “Scaricabarile sui Comuni”

Conte: “Approvato Dpcm, non ci possiamo permettere nuovo lockdown”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»