Il sindaco di Bergamo: “Per chiudere le piazze servono agenti. Chi li ha?”

Il decreto nelle misure previste per le piazze a rischio affollamento "è inapplicabile": la bocciatura del sindaco di Bergamo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Per chiudere una piazza con cinque vie d’accesso servono almeno 10 agenti. Chi li ha? Poi però bisogna consentire l’accesso agli esercizi commerciali e alle abitazioni- dice il Dpcm-. Come si controlla? E se la gente si sposta e si assembra nella via accanto? Inapplicabile”. Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori ha pochi dubbi sulla non applicabilità del decreto che incaricava i sindaci (poi spariti dal testo approvato) del controllo sulle piazze più critiche delle città.

LEGGI ANCHE: I sindaci e l’obbligo del coprifuoco spariscono dal testo del nuovo Dpcm

“Nel testo definitivo- scrive ancora Gori su Twitter- è stato tolto il riferimento esplicito ai Sindaci che c’era nella bozza, citato da Conte in conferenza stampa. Ma non si dice a chi competerebbero quelle misure: se ai Sindaci, ai Prefetti, ai Presidenti di Regione. Né con quali mezzi si possano attuare”.

LEGGI ANCHE:

I sindaci rompono col governo, Decaro: “Non parteciperemo più alle cabine di regia”

Nuovo Dpcm e coprifuoco, i sindaci non ci stanno: “Scaricabarile sui Comuni”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»