Nuovo Dpcm e coprifuoco, i sindaci non ci stanno: “Scaricabarile sui Comuni”

Secondo le nuove disposizioni il controllo della chiusura di vie e piazze dopo le 21 per evitare assembramenti spetterebbe ai sindaci
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il governo, senza nemmeno affrontare il tema nelle numerose riunioni di queste ore, inserisce in un Dpcm una norma che sembra avere il solo obiettivo di scaricare sulle spalle dei sindaci la responsabilità del coprifuoco agli occhi dell’opinione pubblica. Questo non lo accettiamo. Ci saranno le forze dell’ordine a controllare le aree pubbliche in cui sarà vietato l’ingresso e a riconoscere residenti e avventori dei locali? I cittadini non si sposteranno da una piazza a un’altra? Nei momenti difficili le istituzioni si assumono le responsabilità non le scaricano su altre istituzioni con cui lealmente dovrebbero collaborare. I sindaci sono abituati ad assumersi le loro responsabilità. Vorremmo che tutte le istituzioni facessero lo stesso”. Lo dice Antonio Decaro, presidente dell’Anci.

LEGGI ANCHE: Conte: “Approvato Dpcm, non ci possiamo permettere nuovo lockdown”

GORI: “BENE DECARO, STRALCIARE NORMA SU CHIUSURA ZONE DA DPCM”

Nel testo del nuovo DPCM, “illustrato questa sera in tv dal Presidente del Consiglio Conte, si prevede che i sindaci dispongano dopo le 21 la chiusura di vie e piazze dove si possono creare assembramenti, fatta salva la possibilità di deflusso e di accesso per chi deve raggiungere esercizi commerciali o abitazioni private. È una previsione non concordata con i rappresentanti dei sindaci, mai discussa negli incontri che si sono tenuti con il Governo, e che i sindaci giudicano non realizzabile con le sole forze di polizia locale a loro disposizione”. Lo scrive su facebook Gorgio Gori, sindaco di Bergamo.

“Condivido dunque- prosegue- la posizione del presidente dell’Anci, il sindaco di Bari Antonio Decaro, rilanciata in queste ore da moltissimi altri sindaci: ‘La norma inserita dal governo nel DPCM sembra avere il solo obiettivo di scaricare sulle spalle dei sindaci la responsabilita’ del coprifuoco. Questo non lo accettiamo. Ci saranno le forze dell’ordine a controllare le aree pubbliche in cui sarà vietato l’ingresso e a riconoscere residenti e avventori dei locali? I cittadini non si sposteranno da una piazza a un’altra? Nei momenti difficili le istituzioni si assumono le responsabilità non le scaricano su altre istituzioni con cui lealmente dovrebbero collaborare. I sindaci sono abituati ad assumersi le loro responsabilità. Vorremmo che tutte le istituzioni facessero lo stesso’. Condivido pertanto, insieme agli altri sindaci, la richiesta al Governo che la disposizione sia stralciata dal DPCM. Nell’attuale formulazione è infatti inapplicabile”.

LO STUPORE DI RAGGI

“I sindaci dovranno disporre chiusure e restrizioni Covid? Mancano dati, informazioni, forze ordine e strumenti adeguati alla richiesta. Attendiamo di leggere dpcm”. Lo scrive su twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi.

NARDELLA: “IMPORRE E CONTROLLARE COPRIFUOCO IMPOSSIBILE PER I SINDACI”

“So che la situazione è difficile ma lasciare sulle spalle di noi sindaci la scelta delle zone dove imporre e controllare il coprifuoco è impossibile. Il Governo corra ai ripari subito e cambi questa regola. #dpcm”. Lo scrive su twitter il sindaco di Forenze Dario Nardella.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»