Coronavirus, Decaro: “I sindaci decidono sulle chiusure, il governo controlli”

"Se oggi il nostro compito è individuare strade e piazze da chiudere per evitare gli assembramenti e quindi i contagi, lo faremo. Anzi, lo stiamo già facendo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I sindaci non si sottraggono alle responsabilita’. Mai. Figuriamoci in tempo di emergenza. Prenderci cura delle nostre comunita’ e’ nel nostro dna. Se oggi il nostro compito e’ individuare strade e piazze da chiudere per evitare gli assembramenti e quindi i contagi, lo faremo. Anzi, lo stiamo gia’ facendo. Personalmente, per la mia citta’, ho gia’ partecipato alla riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto alla presenza del direttore del dipartimento di prevenzione della Asl, per individuare una procedura snella e tempestiva che ci consenta, come ufficiali di governo, di raggiungere i risultati indicati nel Dpcm”. Cosi’ il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro

LEGGI ANCHE: I sindaci e l’obbligo del coprifuoco spariscono dal testo del nuovo Dpcm

“Come ho spiegato oggi al presidente del Consiglio, noi sindaci individueremo le aree all’interno del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, lo Stato dovra’ assicurare il controllo attraverso le forze dell’ordine, coordinate dal prefetto e dal questore. Perche’, come e’ noto, non sono i sindaci a disporre delle forze dell’ordine. Facciamo il nostro dovere e ci aspettiamo la stessa collaborazione dallo Stato”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»