Il Tar boccia i ricorsi contro l’ordinanza di De Luca, le scuole restano chiuse in Campania

"Assicurata la continuità delle attività scolastiche mediante la pur sempre consentita didattica digitale a distanza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “La Regione Campania sembra aver esaurientemente documentato l’istruttoria sulla base della quale ha inteso emanare la gravosa misura sospensiva”. In particolare, si è dato conto della “correlazione tra aumento dei casi di positività al Covid-19 e frequenza scolastica” e della “progressiva saturazione delle strutture di ricovero e cura”. Queste le motivazioni contenute nei decreti con cui la quinta sezione del Tar della Campania ha respinto i ricorsi presentati contro la Regione per chiedere l’annullamento dell’ordinanza che dispone la chiusura delle scuole fino al prossimo 30 ottobre. Nei documenti si precisa, inoltre, di “doversi dare prevalenza all’interesse pubblico sotteso al provvedimento impugnato”, interesse pubblico che “affonda nell’esigenza di tutelare il diritto primario alla salute“. La “lamentata compromissione degli altri diritti” non sembra “affatto assoluta, in ragione della assicurata continuità delle attività scolastiche mediante la pur sempre consentita didattica digitale a distanza”. Si sottolinea, inoltre, il carattere “temporaneo” della misura regionale e la possibilità per i genitori di “contemperare le attività lavorative con l’assistenza familiare nei confronti dei figli minori”. Fissata per il 17 novembre la trattazione collegiale in camera di consiglio.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, De Luca chiude le scuole in Campania fino al 30 ottobre

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»