Scuola dopo le 9 e turni al pomeriggio, Azzolina: “Non subito, avrete informazioni”

Le nuove disposizioni sulla scuola, chiarisce la ministra, "entreranno in vigore fra qualche giorno". Alle famiglie arriveranno comunicazioni dal ministero
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le misure sulla scuola adottate nel Dpcm firmato ieri sera dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte non entreranno subito in vigore ma “fra qualche giorno, per garantire una migliore organizzazione”. A precisarlo è la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, in un post su Facebook.

“Nelle prossime ore il ministero dell’Istruzione darà indicazioni più specifiche alle scuole e alle famiglie“, aggiunge Azzolina. Il decreto coinvolge solo le scuole secondarie di secondo grado, per le quali resta confermata la didattica in presenza ma con un incremento della didattica digitale integrata, strumento già a disposizione delle scuole nelle linee guida firmate a giugno.

LEGGI ANCHE: Conte: “Approvato Dpcm, non ci possiamo permettere nuovo lockdown”

A SCUOLA DOPO LE 9 E TURNI POMERIDIANI

Il Governo ha chiesto inoltre alle scuole superiori di rimodulare ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e uscita degli alunni, anche attraverso l’utilizzo di turni pomeridiani. L’ingresso non dovrà avvenire prima delle ore 9, per evitare assembramenti sui mezzi di trasporto pubblico. Per le scuole del primo ciclo e per i servizi educativi per l’infanzia, la didattica continuerà a svolgersi in presenza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»