Digitale, giovedì esperti a confronto su linee guida e data breach

digitale_pc_internet
Il 22 ottobre appuntamento con webinar gratuito sulle nuove Linee guida di AgID. Poi a gennaio arriverà DIG.eat 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le nuove Linee guida di AgID al centro di un confronto tra esperti e addetti ai lavori per capire come cambiano le regole su formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici. Il 22 ottobre Anorc organizza con l’agenzia di stampa Dire un webinar gratuito diviso in due momenti, dedicati rispettivamente alla conservazione digitale il primo, con un focus sulla ‘scomparsa’ del sistema di accreditamento, mentre il secondo tratterà della protezione dei dati personali. È il primo dei 4 ‘assaggi’ previsti entro l’anno in previsione del DIG.eat 2021, l’evento dedicato al digitale che partirà il 18 gennaio e per la prima volta sarà completamente in versione digitale con un programma distribuito nell’arco di un mese.

IL 22 OTTOBRE UN DOPPIO APPUNTAMENTO

Il doppio appuntamento del 22 ottobre prevede nella prima parte (la mattina dalle 10 alle 12) un dibattito tra conservatori ed esperti nazionali sulle ultime novità delle ‘Linee Guida sulla formazione, gestione e conservazione del documento informatico’ di AgID. Già confermati tra i partecipanti Patrizia Gentili, Responsabile Servizio Documentali Area Trasformazione digitale presso AgID, Michele Melchionda, Responsabile della transizione al digitale – Presidenza del Consiglio dei Ministri, Daniela Perrone, Business Consultant Manager presso Siav S.p.A, Micaela Procaccia, Presidente di Anai e Raffaele Zappa, Responsabile della Conservazione di Istituto Poligrafico Zecca dello Stato. Oltre che Luigi Foglia, Segretario generale a interim di ANORC e Andrea Lisi, Presidente di Anorc Professioni e Nico Perrone, direttore dell’agenzia Dire.

Nella seconda sessione (il pomeriggio dalle 15 alle 17) si parlerà invece del preoccupante aumento del fenomeno di Data breach assieme ad alcuni Dpo di alto livello ed esperti nazionali. Un confronto affidato a professionisti come Guido Scorza, Componente del Collegio del Garante per la protezione dei dati personali, Stefania Fiduccia, Data Protection Officer presso Enea, Edoardo Limone, Esperto in sicurezza informatica, Stefano Mele, Presidente dell’Autorità per le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (“Autorità ICT”) della Repubblica di San Marino. Gli esperti esploderanno il tema analizzando le conseguenze delle violazioni dei dati personali e illustrando best practice di prevenzione.

“IN GIOCO IL FUTURO DEI DOCUMENTI DIGITALI”

“In questi anni è in gioco il futuro dei nostri dati e dei nostri documenti digitali– ha detto Andrea Lisi- ed è indispensabile essere rigorosi nel definire strumenti organizzativi e tecnologici utili a garantire una corretta custodia agli stessi. Da anni Anorc Mercato e Anorc Professioni sono impegnate a sviluppare sistemi idonei per raggiungere questo scopo in un’opera costante di corretta informazione, di presidio istituzionale e di costruzione di competenze interdisciplinari. Vi aspettiamo per avviare i motori del nostro evento più importante, il DIG.eat”.

Entrambi i webinar saranno accessibili gratis e senza iscrizione. Verranno trasmessi in diretta dal canale Youtube e dalla pagina Facebook di Anorc. Sul sito dell’associazione è possibile trovare tutte le informazioni e gli eventuali aggiornamenti del programma.

Il trailer del DIG.eat 2021:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»