Uno sguardo raro, presentato il festival delle malattie rare

ll concorso è ancora aperto, consultabile sul sito www.unosguardoraro.org
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Guardare per scoprire gli altri, per conoscere ciascuno nella propria unicita’ e vedere con occhi nuovi chi ci appare ‘diverso’. È l’obiettivo di ‘Uno sguardo raro’ il festival internazionale dedicato alle malattie rare presentato oggi al festival del cinema di Roma e che si terra’ dal 9 al 15 marzo 2020.

Arrivato alla quinta edizione il festival e’ cresciuto costantemente. A presentare le novita’ di questa edizione Claudia Crisafio, direttore del festival e cofondatrice insieme a Serena Bartezzati.

Piu’ di 2.400 opere sul tema delle malattie rare, della disabilita’ e della resilienza sono state visionate in questi anni e per il nuovo bando lanciato quest’anno sono gia’ 600 quelle arrivate. Il concorso per partecipare e’ ancora aperto (scadenza per l’invio il 30 novembre) ed e’ suddiviso in 6 categorie, di cui due nuove, tutte consultabili sul sito www.unosguardoraro.org.

Il mondo delle malattie rare e’ in realta’ una galassia, si parla infatti di oltre 6mila malattie rare ed e’ un universo poco conosciuto. Il festival si pone infatti l’obiettivo di raccontare questo mondo – attraverso le molteplici forme audiovisive – cosa significhi vivere con una malattia rara o una disabilita’ sia per il paziente che per chi se ne prende cura. La sfida e’ quella di offrire una diversa narrazione di questi temi e dare una immagine nuova di questo spaccato di vite attraverso il cinema, uno dei linguaggi piu’ vitali e ad alto impatto emotivo, che riesce a scuotere le coscienze e aiuta ad abbattere i preconcetti. Lo ‘sguardo raro’, infatti, e’ quello che le opere in concorso regalano al pubblico, che puo’ vedere il mondo dalla prospettiva di chi ha poco, ma riesce a goderne fino in fondo proprio perche’ il poco che ha e’ prezioso.
Durante l’evento di presentazione oltre a rilanciare il bando di concorso sono state presentate le tante novita’.

Uno dei traguardi piu’ importanti e’ la convenzione di alternanza Scuola-Lavoro stipulata con l’Istituto Cine-Tv Roberto Rossellini che offre la possibilita’ di coinvolgere fattivamente i futuri professionisti del video sul tema del ‘diverso’, promuovendo l’idea di una societa’ sempre piu’ inclusiva.
Altra importante partnership e’ quella con l’Agenzia di Stampa DIRE che, con la sua redazione dedicata alla scuola, accompagnera’ il Festival nel mondo degli studenti delle medie e delle superiori con eventi dedicati alla visione di lungometraggi sui temi di ‘Uno Sguardo Raro’.

Grazie alla collaborazione con la Facolta’ di Scienze della Comunicazione sociale dell’Universita’ Pontificia Salesiana, Uno Sguardo Raro entra concretamente in contatto con gli studenti universitari per la realizzazione di una Tavola Rotonda legata al Premio USR-FERPI sulla comunicazione sociale in ambito medico.
La V edizione apre al mondo della sceneggiatura con il Concorso per sceneggiatori sul tema delle malattie rare, aperto a tutti, che consentira’ ai vincitori di partecipare ad un laboratorio intensivo di sceneggiatura. Dagli esiti di questo laboratorio verra’ prodotto un cortometraggio per l’edizione 2021 del Festival.

Grazie infine alla collaborazione con la scuola di recitazione Fabbrica Artistica, diretta da Rolando Ravello e Massimiliano Franciosa, il Festival ha la possibilita’ di offrire 2 borse di studio a persone affette da malattia rara: una per il corso di recitazione e una per il corso di scrittura creativa della scuola. La Federazione Italiana Malattie Rare, UNIAMO FIMR onlus, collaborera’ con il Festival per la selezione e per il percorso didattico degli allievi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»