Regionali, in Umbria i Pro Vita alleati con il centrodestra

Lo ha dichiarato Jacopo Coghe presente alla manifestazione che ha riunito i tre leader di centrodestra Salvini, Berlusconi e Meloni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “E’ stato promesso. Con la firma del manifesto per la vita e la famiglia, i nostri valori saranno al centro dell’azione del centrodestra in Umbria. Come co-organizzatori a Perugia con Salvini, Meloni e Berlusconi, abbiamo ottenuto la promessa che il candidato Presidente agirà per proteggere quello che è il nucleo fondamentale della società: mamma papà e figli”. Lo ha dichiarato Jacopo Coghe, vice presidente di Pro Vita & Famiglia presente alla grande manifestazione prolife che ha riunito i tre leader di centrodestra. 

“Insieme al leader del Family Day Massimo Gandolfini, che è intervenuto per i nostri valori, ci coordineremo per un’azione efficace delineando priorità, azioni concrete e misure adeguate per realizzare una Regione a misura di famiglie. Abbiamo strappato una promessa: la Regione sosterrà la Vita, dal concepimento fino alla morte naturale sia su un piano politico che culturale”, ha proseguito Coghe. Poi Coghe ha sottolineato: “L’importanza della libertà educativa dei genitori. Vigileremo sulla formazione dei bambini, dei giovani, perché la famiglia venga rispettata respingendo ogni forma di colonizzazione ideologica che si ispiri alla teoria del gender o che attraverso il cavallo di troia della ‘discriminazione’ miri a inserire temi che attengono solo alla pertinenza dei genitori”. 

In chiusura il vice presidente di Pro Vita & Famiglia ha ricordato l’importanza della tutela delle fasce deboli della famiglia come disabili e anziani, da rimettere al centro di una politica che si possa dire davvero attenta al bene comune”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»