De Magistris: “Il sangue di San Gennaro è la vita eterna di Napoli”

Con un post su Facebook il sindaco di Napoli ha così salutato l'avvenuto prodigio della liquefazione del sangue del patrono della città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “San Gennaro ha fatto il miracolo, il sangue si e’ sciolto, il sangue di San Gennaro e’ la vita eterna di Napoli”. Con un post su Facebook il sindaco di Napoli ha cosi’ salutato l’avvenuto prodigio della liquefazione del sangue del patrono della citta’. Alle 10:02 il Cardinale Crescenzio Sepe ha comunicato il ‘miracolo’ avendo riscontrato che il sangue era gia’ sciolto quando l’ampolla che lo contiene e’ stata estratta dalla teca. 

LEGGI ANCHE: San Gennaro, perché si scioglie il sangue

“Con gioia e commozione – ha detto l’alto prelato – il sangue del nostro santo patrono e’ sciolto”. In ragione di misure anti covid il Duomo era semi deserto: ad assistere alla celebrazione sono state ammesse solo 200 persone tra celebranti e membri della Deputazione di San Gennaro, istituzioni e giornalisti. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | Prodigio di San Gennaro, Sepe: “;In Cattedrale solo 200 posti e niente bacio della teca”

All’esterno della cattedrale, sul sagrato, sono stati allestiti due maxi-schermo e 300 posti a sedere per consentire a chi, nei giorni precedenti ne avesse fatto richiesta, di assistere alla celebrazione. Nessun assembramento si e’ verificato, ne’ all’interno della chiesa ne’ lungo l’adiacente via Duomo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»