Pordenone invasa dall”Alfabetiere’ e dagli angeli dei libri

La festa del libro con gli autori prevede fino a domenica centinaia di incontri, dialoghi e lezioni magistrali in oltre 50 location
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PORDENONE – Dopo la grande inaugurazione di ieri sera con lo scrittore spagnolo, Javier Cercas, e il bagno di folla per Pippo Baudo, è entrata nel vivo la ventesima edizione di ‘Pordenonelegge’.

La festa del libro con gli autori, a cura di Gian Mario Villalta, Alberto Garlini e Valentina Gasparet, prevede fino a domenica centinaia di incontri, dialoghi e lezioni magistrali in oltre 50 location nel centro storico.

La città è invasa da 26 grandi lettere gialle, alte due metri e pesanti tre tonnellate ciascuna, che alla fine della rassegna comporranno, a Parco Cimolai – una vasta area a nord di Pordenone – un originale Parco letterario. Intanto oggi è stata una giornata di grandi anteprime di scrittori di fama mondiale: Marie-Aude Murail, Peter Cunningham, Katherine Rundell, Imre Oravecz; ma anche gli incontri con alcuni scrittori italiani: Edoardo Albinati, Nadia Terranova, Mauro Corona e Umberto Orsini.

Domani, invece, saranno più di 80 gli incontri previsti. Sfogliando le anteprime, troviamo lo scrittore tedesco Timur Vermes con un nuovo romanzo di satira sociale, “Gli affamati e i sazi”, più che mai tempestivo e attuale su chi siamo e chi vogliamo essere. Con “Concetto Marchesi e il comunismo italiano”, lo storico Luciano Canfora, in dialogo con il giornalista Antonio Carioti, affronta uno dei personaggi controversi dell’Italia politica del secondo Novecento. A Pordenonelegge torna anche il cartoonist Davide Toffolo, celebrato frontman dei Tre Allegri Ragazzi Morti: il suo esplosivo volume “graphic novel is back” è un’impietosa riflessione sui limiti della creatività, dal rock al fumetto, dalla finzione alla vita. Debutta in veste di autore Francesco Musolino, “L’attimo prima”, in dialogo con Eleonora Molisani e Cristina Marra. Una giornata che racchiude un’intera esistenza è quella raccontata da Fabio Geda in “Una domenica”. L’autore sfoglia il suo libro insieme a Romana Petri. Grande attesa, infine, per sabato (ore 18 al Teatro Verdi) quando la scrittrice Premio Nobel, Svetlana Aleksievic, riceverà il Premio ‘Credit Agricole FriulAdria La storia in un romanzo 2019′, assegnato “per aver raccontato, con partecipazione e sincerita’ il dramma corale di vittime e carnefici della Grande Utopia comunista”.

I GIOVANI ‘ANGELI’ DI PORDENONELEGGE

A Pordenone li chiamano ‘angeli‘ perché custodiscono, sorvegliano, portano messaggi. Sono 225 in tutto – 158 ragazze e 67 ragazzi – e hanno un’età media di 21 anni. Senza di loro, la festa del libro con gli autori ‘Pordenonelegge’ – che quest’anno compie vent’anni – non sarebbe la stessa.

“Sono ragazze e ragazzi che smentiscono la gran parte delle stupidaggini che si dicono sui ragazzi e sulle ragazze della loro età” ha dichiarato Gian Mario Villalta, direttore artistico del festival. Il 73 per cento degli ‘angeli’ intervistati pensa che il festival abbia modificato positivamente la propria attività di lettura, e il 45 per cento che abbia stimolato l’attività di scrittura. Inoltre il 35 per cento di questi ragazzi, che hanno tra i 16 e i 25 anni, segue di più le altre attività culturali sul territorio. Fra le motivazioni che hanno spinto a diventare ‘angelo’, c’è la decisione di far parte del gruppo per passione, di aumentare le conoscenze e le competenze. “Dalla prima elementare, e forse anche dalla scuola materna, hanno frequentato ogni anno il festival- ha spiegato Villalta- Uno di loro ha detto che per lui Pordenonelegge è come il Natale, prima atteso e poi ricordato da tutti. Fa un po’ impressione, no?”.

La provenienza maggiore degli ‘angeli’ è da Pordenone e provincia, ma sono buone le presenze dagli altri capoluoghi della regione e dal vicino Veneto. La composizione della squadra degli angeli comincia, inoltre, a portate i segni della multiculturalità: identità italiane e culture di origine diverse si ritrovano insieme nel gestire con equilibrio ed eterogeneità una manifestazione dai contorni sempre più ampi. Da qualche anno anche gli sponsor di Pordenonelegge hanno scelto di sostenere gli ‘angeli’. Ad esempio un parrucchiere regala 20 appuntamenti prima del festival, una banca propone conti specifici per i giovani e regala accessi gratuiti al cinema, un fastfood offre pranzi gratuiti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»