Internet, Marina Abramovic a Firenze: “Instagram non è arte”

A Palazzo Strozzi "The Cleaner" la prima retrospettiva italiana dedicata all'artista serba
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “Voglio dire una cosa chiaramente: Instagram non è arte“. Marina Abramovic lo dice dal palco dello storico cinema Odeon, a Firenze, nel corso della presentazione della mostra “The Cleaner”, la prima retrospettiva italiana dedicata all’artista serba allestita a Palazzo Strozzi (dal 21 settembre al 20 gennaio 2019). “Non possiamo certo chiudere gli occhi davanti alla tecnologia, che ormai fa parte della nostra vita. Non c’è niente di male in questo, quello che c’è di male semmai è il modo in cui la utilizziamo”, aggiunge. Per Abramovic “dobbiamo cercare di capire come usarla al meglio, senza che sia la tecnologia ad usare noi”. Così, traslando il concetto su temi più vicini al suo vissuto, spiega: “Per ogni artista è molto importante trovare il suo strumento, il suo canale, in modo che il suo messaggio sia chiaro, cristallino. E se il pubblico è toccato emotivamente e trasformato, allora vuol dire che si è fatto un buon lavoro”.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»