Unione africana contro Salvini, ma lui: “Mai parlato di schiavi”

Nel mirino ci sono le parole pronunciate da Salvini in conferenza a Vienna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Unione africana esprime sgomento per le osservazioni fatte dal vice primo ministro italiano, Matteo Salvini, in una recente conferenza a Vienna in cui ha paragonato gli immigrati africani agli schiavi. È opinione dell’Unione Africana che la denominazione non risolva le sfide migratorie che affliggono l’Africa e l’Europa”. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso dall’Unione africana, che aggiunge: “Nell’interesse di un impegno costruttivo sul dibattito migratorio tra i due continenti, l’Unione africana chiede al vice primo ministro italiano di ritrattare la sua dichiarazione dispregiativa sui migranti africani e di sollecitare ulteriormente l’Italia a emulare e sostenere altri Stati membri dell’Unione europea, come la Spagna, che hanno esteso il supporto e la protezione ai migranti in difficoltà, indipendentemente dalla loro origine e dalla loro situazione legale, prima che venga determinato il loro status di ammissione”.

Leggi anche: Migranti, il movimento dei rifugiati a Salvini: “Faccia un passo indietro sul decreto”

Salvini: “Mai parlato di schiavi, non devo scusarmi”

“Non ho niente di cui scusarmi” con l’Unione africana “e smentisco qualsiasi equiparazione tra immigrati e schiavi, anzi, le mie dichiarazioni a Vienna erano a difesa dei migranti che qualcuno vuole usare come schiavi. Se qualcuno volesse pensar male, forse c’è stato un difetto della traduzione francese”. Così il vicepremier Matteo Salvini, in conferenza stampa al Viminale, risponde alle critiche dell’Unione africana.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»