Torna il Mei, a Faenza la musica indipendente fa festa

E' tutto pronto per la 23esima edizione dello storico evento di Faenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tre giorni di grande musica a fine settembre a Faenza, provincia di Ravenna. Il 28, 29 e 30 torna il Mei, il Meeting delle etichette indipendenti, giunto alla 23esima edizione. ‘MEI2018 – Fatti di Musica Indipendente’ è considerata la più importante manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana che chiude la stagione dei festival estivi. L’evento è stato presentato ieri a Roma, al Maxxi, alla presenza del patron del Mei Giordano Sangiorni, di Giovanna Melandri, presidente del Maxxi. C’erano anche Edoardo De Angelis, storico cantautore romano, Luca Bussoletti e i Kutso: tutti parteciperanno all’evento di Faenza. Anche quest’anno il Mei trasformerà Faenza per tre giorni in una vera e propria città della musica con concerti, presentazioni musicali e letterarie, convegni e mostre, affiancati da una parte espositiva rivolta agli operatori della filiera musicale con l’obiettivo di sostenere la crescita e la diffusione di una cultura musicale indie ed emergente.

Questi i grandi nomi premiati al Mei2018 già annunciati nei giorni scorsi: The Zen Circus (“Premio Pimi 2018” riservato all’artista indipendente dell’anno), Lacuna Coil (“Premio speciale Mei” per i loro 20 anni di carriera), Mauro Ermanno Giovanardi (“Premio Pimi extra progetti esclusivi” per l’album la mia generazione), Colapesce (“Premio Pivi – miglior videoclip indipendente” per “Maometto a Milano”), Colombre (“Premio miglior artista giovane indipendente dell’anno”), Gio Evan (“premio artista eclettico dell’anno”), Ritmo Tribale (“Premio speciale mei” per i 30 anni dal loro primo disco autoprodotto), il regista Dario Ballantini e Piccoli Animali senza espressione (“premio speciale Pivi 2018” riservato al miglior videoclip indipendente dell’anno). Si aggiunge ai premiati anche il cantautore Edoardo Bennato, che sabato 29 settembre riceverà il “Premio Radio Rai Live” e assegnerà un riconoscimento ai vincitori del contest “Non sono solo canzonette”, che celebra i 40 anni del disco “Burattino senza fili”. 

Oltre agli artisti premiati, si esibiranno al Mei: La Municipal; I Figli Dell’Officina; La Stanza Di Greta; Roberto Angelini & Rodrigo D’Erasmo in omaggio a Nick Drake; Pierpaolo Capovilla; Kutso; Bussoletti; Rezophonic, che si esibiranno con i Lacuna Coil per i loro 20 anni di carriera; Celeb Car Crash; MoterNoire; Ylenia Lucisano; Renato Caruso; Thema; Peligro; Giuseppina Torre; Zoas; Il Generatore di Tensione; Psicantria; Seawards; Le Teorie di Copernico; Macola & Vibronda; Porfirio Rubirosa; Simon Dietzsche; Danilo Ruggero; Marco Biasetti; Dlates; Valerio Sanzotta; Moreno Delsignore; Simone Leon Perron; Seraphic Eyes; Marat; Chiara Effe; Fusaro; Martina Maggi; Arashi; Lorenzo Kruger; Pupi di Surfaro; Atop the Hill; Zephiro; PH7; Quarto Stato; Angelo Cicchetti; Frankie; Osprey Dream; Alan Spicy; Blue Parrot Fishes; Giovanni Ruggero; Rossomalpelo; Asymmetry of Ego; Tribunale Obhal; Kiti; Stefano Cherchi; They Go; Virginian; Alabastrum.

Il programma

Il 28 settembre si svolgerà l’anteprima della rassegna dedicata al periodo storico del ’68 con i convegni “Cultura e Musiche del ’68, 50 anni dopo”, in cui interverrà anche il sociologo Marco Boato, e “1968, 50 anni dopo tra le arti e le musiche”, oltre che con la mostra “Alle radici della musica indipendente: i Manifesti dei Complessi Beat della Romagna degli Anni ‘60” a cura di Gianni Siroli. Sarà presentato, inoltre, in anteprima “Infinito 200”, album antologico che ricorda il bicentenario del capolavoro leopardiano, con ospite il cantautore Edoardo De Angelis e si terrà il Festival “Anatomia femminile” a cura del giornalista Michele Monina, in omaggio al cantautorato femminile. 

Il 29 settembre, invece, la giornata sarà dedicata alle premiazioni, alle esibizioni degli artisti presenti al Mei2018, ai workshop a cura di Riccardo De Stefano e Riccardo Galassi e ad importanti anteprime, come la presentazione del libro dedicato al rapper Liberato a cura di Gianni Valentino. Si terrà, anche, la finale del Premio dei Premi, coordinato da Enrico Deregibus in collaborazione con l’Omp (Officina della Musica e delle Parole) di Milano; la consegna della Targa Mei Musicletter a Kalporz (Miglior Sito Web), Reverendo Lys di Franco Dimauro (Miglior Blog Personale) e Umbria Jazz (Premio Speciale Miglior Festival Musicale Italiano); la finale del Mei Super Stage con le esibizioni di Valeria Crescenzi, Deadline-induced Panic e Riccardo Gileno; il Minifestival de l’Altoparlante; la premiazione del vincitore del “Contest iLiveMusic-Suona al Mei”, realizzato in collaborazione con l’app “iLiveMusic”.

Il 30 settembre, infine, vi sarà la conclusione della rassegna musicale interamente dedicata ai 40 anni dalla Legge Basaglia con “Interiezioni “, spettacolo meta – teatrale di Pierpaolo Capovilla, voce del gruppo rock “Il Teatro degli Orrori”, e il maestro Paki Zennaro, compositore sperimentale e storico collaboratore di Carolyn Carlson. In apertura si esibirà il duo dei cantautori Gappa, formato da Gaspare Palmieri e Christian Grassilli, e nella stessa giornata verrà inoltre presentato il libro di Piero Cipriamo “Basaglia e Le Metamorfosi della Psichiatria”. Durante questa giornata sarà possibile assistere all’assegnazione del “Premio Pivi 2018 – Miglior Videoclip Indipendente Dell’anno” al video di “Maometto a Milano” di Colapesce e del “Premio Speciale Pivi 2018” a Dario Ballantini e alla band toscana Piccoli Animali Senza Espressione per il video di “In cammino”; al Forum del Giornalismo Musicale con Michele Monina, Fabrizio Galassi, Paolo Prato e Riccardo Vitanza; partecipare ad interessanti workshop curati da Giuseppe Ficaro, Giuliano Biasin e Francesco Galassi.

Concluderà la rassegna Mario Capanna, il leader del Movimento Studentesco del ’68 e autore del best seller “Formidabili quegli anni”, edito dalla casa editrice Garzanti. Inoltre, coloro che parteciperanno alla rassegna faentina potranno usufruire di un ingresso ridotto al Maxxi – Museo nazionale delle arti del XXI secolo e avranno diritto a una riduzione del 20% sull’acquisto della card MyMaxxi presentando il biglietto di ingresso entro il 31 dicembre 2018.

Sangiorgi: “Programma ricco, musica elemento portante”

Un programma ricco, con tante iniziative: “Vogliamo che la musica sia elemento portante della scena culturale del nostro paese”. Giordano Sangiorgi è il patron del Mei, che tornerà per tre giorni con la 23esima edizione dello storico evento di Faenza, in provincia di Ravenna. Si tratta, ha spiegato Sangiorgi all’agenzia Dire in occasione della conferenza stampa di presentazione che si è tenuta al Maxxi, a Roma, “di un appuntamento storico della musica emergente ed indipendente italiana”.

Tanti eventi, una notte bianca “e trenta palchi. Ci saranno anche un convegno sul ’68, un festival al femminile, sabato 29, mentre domenica parleremo della legge Basaglia con il contributo di psicologi e psicoterapeuti”. Grande, invece, la giornata del sabato “con gli ospiti principali. Avremo Zen Circus, Ritmo Tribale e pure Edoardo Bennato che riceverà un premio per la sua carriera. E poi il ‘Premio dei Premi’ e anche un’area ‘trap’, il genere del momento“. Un evento che porta evidentemente fortuna agli artisti italiani: “Da noi sono venuti Mirkoeilcane, Ghali e i Maneskin”, prima di diventare famosi. Ci sarà anche un appuntamento per certi versi internazionale: “Festeggeremo i 20 annui dei Lacuna coil, il tema del metal lo abbiamo esplorato meno, volevamo festeggiare questa band che ha venduto dischi in tutto il mondo”. Nascerà poi l’Agimp, il forum del giornalismo musicale: “Insomma avremo un programma ricco, con tante iniziative. Auspichiamo che il ministero prosegua nelle linee intraprese che hanno dato valorizzazione al nostro ambito”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»