Trump come Bush nel 2002: “Iran e Nord Corea sono il male”

Donald Trump terrà oggi il suo primo discorso al Palazzo di vetro in veste di presidente degli Stati Uniti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Alle 14,30 del pomeriggio (le 20,30 in Italia) Donald Trump terrà il suo primo discorso al Palazzo di vetro in veste di presidente degli Stati Uniti. Si apre infatti oggi ufficialmente la 72esima Assemblea generale Onu. E le sue parole, spiegano vari quotidiani anglosassoni, potrebbero ricalcare quelle del suo predecessore, George W. Bush, quando nel 2002 parlò “dell’Asse del male” a proposito di Iraq, Iran e Corea del Nord: tolto il primo paese – a cui l’anno successivo Washington dichiarò guerra – gli ultimi due saranno dipinti anche da Trump come “la coppia del male”, come hanno preannunciato fonti interne alla Casa Bianca.

Il suo discorso infatti punterà a mettere in guardia dalla “minaccia alla pace” rappresentata da Teheran e Pyongyang: se il problema non sarà affrontato “potranno solo che raccogliere le forze”, pertanto ha invitato i leader mondiali “a non restare meri spettatori della storia”. Il presidente francese Emmanuel Macron ieri ha tuttavia cercato di convincere Trump a non annullare l’accordo sul nucleare stretto con l’Iran dai paesi occidentali – e fortemente promosso dall’ex presidente Obama – in quanto potrebbe generare una corsa agli armamenti da parte di Teheran.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»