hamburger menu

Pellacani super, è oro dal trampolino 3 metri agli Europei di Roma

La romana migliora l'argento ottenuto a Budapest 2020. Ottimo decimo posto per la debuttante Elisa Pizzini. Quarti Larsen e Timbretti Gugiu dalla piattaforma sincro

Pubblicato:19-08-2022 19:13
Ultimo aggiornamento:19-08-2022 19:13
Canale: Sport
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

(Foto di Andrea Staccioli / DBM)

Chiara Pellacani è medaglia d’oro nei tuffi dal trampolino 3 metri agli Europei di Roma. L’azzurra, argento a Budapest 2020, ha chiuso con un punteggio di 318.75, davanti alla svizzera Michelle Heimberg (301.80) e alla britannica Yasmin Harper (296.20). Decimo posto per l’altra azzurra in gara, Elisa Pizzini: la veronese, già soddisfatta per l’ingresso in finale da debuttante, ha chiuso con 243.85 punti.

In precedenza, quarto posto per Andreas Sargent Larsen ed Eduard Timbretti Gugiu nei tuffi sincro dalla piattaforma. I due azzurri hanno ottenuto un punteggio di 362.25, a 6.95 punti dalla medaglia di bronzo conquistata dai tedeschi Timo Barthel e Jaden Eikermann Gregorchuk. L’oro è andato alla coppia della Gran Bretagna, Ben Cutmore e Kyle Kothari, con 390.48 punti. Argento agli ucraini Kirill Boliukh e Oleksii Sereda (388.02).

Per Larsen “è stata una gara ‘bellina’ ma niente di che- ammette- Io ho sbagliato il terzo tuffo e questo ci è costato la medaglia”, dice a Raisport il 23enne nato a Copenaghen, seguito dal 20enne di Cuneo: “E’ vero, potevamo fare meglio. Anche io devo ancora imparare a regolarizzare il mio tuffo. Ci siamo andati vicini ma lavoreremo ancora: mi piace farlo con Andreas, mi trovo bene, è l’anno prossimo ci faremo trovare pronti“.

PELLACANI: “SPERAVO NELL’ORO, ADESSO UN GELATO PER FESTEGGIARE

“Me l’ero immaginato questo momento però è sempre una grande emozione e non c’è mai nulla di scontato sopratutto in questi sport dove la testa conta tanto”. Così Chiara Pellacani dopo l’oro nei tuffi da tre metri agli Europei di Roma. “Sono contentissima, ho lavorato molto per questa gara e ci speravo. È stato bellissimo vincere in casa, con i miei parenti a vedermi”, racconta la romana che il prossimo 12 settembre compirà 20 anni e che nella rassegna continentale è impegnata in diverse gare. “Come faccio a gestirle tutte? Sono cresciuta facendone tante e sono abituata, ma qui ho cercato di vivere alla giornata. Ora però 3-4 giorni di mare, quindi partirò per La Louisiana per frequentare l’università e riprendere ad allenarmi”.

A darle consigli tra un tuffo e l’altro, il suo allenatore Nicola Marconi: “Mi ha sempre detto di crederci, ma anche di godermi la gara”. E ogni sera i suggerimenti sono arrivati anche da Tania Cagnotto. “Abbiamo sempre fatto riunioni e lei dava consigli a tutti noi”. Una squadra giovane ma anche con atleti di esperienza, di cui Pellacani non si sente alla guida: “Non mi sento leader ma parte di questa squadra bellissima”, racconta con l’oro al collo finalmente sorridente dopo tanti sforzi. E un sorriso le è sfuggito anche sul trampolino, prima dell’ultimo tuffo: “Cercavo di viverla bene, ho sentito il tifo per me e mi ha reso felice”, dice Chiara che finalmente, come le promette il papà a pochi passi, potrà godersi una vaschetta di gelato. “Cioccolato, crema e pistacchio. Vado sul classico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-19T19:13:43+01:00