hamburger menu

Programmi elettorali a confronto, le proposte dei partiti sul fisco

In vista delle elezioni del 25 settembre ecco il primo di una serie di confronti a tema tra centrosinistra, centrodestra e terzo polo

Pubblicato:20-08-2022 16:28
Ultimo aggiornamento:20-08-2022 16:28
Canale: Economia e Fisco
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Inizia oggi una serie di confronti fra i programmi elettorali del centrosinistra, del centrodestra e del Terzo polo in vista delle elezioni politiche del 25 settembre. Oggi parliamo di tasse.

tasse_programmi_partiti

CENTROSINISTRA: IL PROGRAMMA SULLE TASSE

Il Partito Democratico (Lista Italia Democratica e Progressista) propone il Codice Tributario unico per semplificare “drasticamente gli adempimenti”, lo sviluppo del fisco digitale e l’abolizione delle micro tasse. Lotta all’evasione fiscale attraverso la tracciabilità dei pagamenti e l’incrocio delle banche dati, potenziamento delle Agenzie fiscali e maggiori premialità ai contribuenti leali. Il programma prevede anche la riduzione del carico Irpef a partire dai redditi medi e bassi e una razionalizzazione delle agevolazioni fiscali.

LE PROPOSTE DEL CENTRODESTRA SUL FISCO

La coalizione di centrodestra (Forza Italia – Lega – Fratelli d’Italia) propone una riduzione della pressione fiscale per famiglie, imprese e lavoratori autonomi, ma soprattutto spinge sulla flat tax che vuole estendere alle partite Iva fino a 100 mila euro e che vorrebbe applicare in caso di incremento di reddito rispetto alle annualità precedenti. No a patrimoniali, abolizione dei micro tributi, pace fiscale con un accordo fra Erario e cittadini per la risoluzione del pregresso, ma anche sgravi fiscali per chi assume secondo la logica del “chi più assume, meno paga”. Chiude il programma con l’introduzione del ‘conto unico fiscale’ per la compensazione “piena e immediata” dei crediti e dei debiti verso la PA e il diritto al conto corrente per tutti i cittadini.

TERZO POLO E FISCO

La coalizione fra Italia Viva e Azione, il cosiddetto Terzo Polo, prevede l’introduzione di un minimo esente inteso come “maxi deduzione corrispondente all’ammontare che viene giudicato essenziale per sopravvivere”. Una detassazione specifica totale fino ai 25 anni e ridotta del 50% fino ai 29 anni, ma anche una detassazione straordinaria di una extra mensilità, fino a 2.200 euro, che le imprese “potranno scegliere di erogare ai propri dipendenti ai fini di alleviare gli effetti dell’inflazione”. L’unificazione tra la detrazione per lavoro autonomo e quella per lavoro dipendente e una semplificazione dell’imposta, spostando tutte le spese fiscali in un sistema a rimborso diretto. Per quanto riguarda l’Ires il programma di Calenda e Renzi prevede il riordinamento normativo e l’unificazione del sistema dei crediti di imposta in caso di comportamenti virtuosi in linea con la transizione ecologica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-20T16:28:13+01:00