hamburger menu

Il Tar sospende gli abbattimenti degli animali della Sfattoria fino al 12 settembre

Un nuovo decreto del Tar del Lazio, spiega l'associazione, "chiarisce che gli abbattimenti dei circa 140 animali non sono autorizzati e che la Asl deve confrontarsi con la titolare della Sfattoria"

Pubblicato:19-08-2022 16:44
Ultimo aggiornamento:19-08-2022 16:44
Canale: Roma
Autore:
maiali_cucciolo
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Grazie all’istanza e alla perizia delle associazioni intervenute ad adiuvandum depositate ieri, la prima fase della controversia tra l’Asl Roma 1 e la titolare della Sfattoria degli Ultimi si conclude con la vittoria di quest’ultima e delle associazioni: gli abbattimenti sono definitivamente sospesi fino al 12 settembre, data in cui è fissata la decisione collegiale. Lo stabilisce un nuovo decreto del Tar del Lazio emanato oggi, reso noto dalle stesse associazioni in un comunicato.

Lunedì 8 la Sfattoria si è vista notificare un provvedimento dell’Asl Roma 1 che disponeva l’abbattimento dei maiali e dei cinghiali ospitati nella struttura di via Arcore a Roma, circa 140 animali. Nel giudizio promosso dalla Sfattoria sono immediatamente intervenute, con i loro uffici legali, le associazioni Enpa, Leal, Leidaa, Lndc, Oipa e Tda, rappresentate dall’avvocato Giuseppe Calamo dello Studio Curtis Mallet Prevost Colt & Mosle LLP. Le stesse associazioni hanno scritto al commissario per la lotta alla Peste suina africana, Angelo Ferrari, alla Regione Lazio e a Roma Capitale, chiedendo di partecipare al tavolo tecnico che dovrebbe occuparsi a breve della vicenda.

Come si legge nella nota, “oggi il giudice, correggendo totalmente quanto disposto in precedenza, non solo ha chiarito che gli abbattimenti dei suidi non sono autorizzati, ma ha anche imposto all’Asl di confrontarsi con la titolare della Sfattoria e con le associazioni per garantire con adeguate prescrizioni tecniche la salvaguardia degli animali: un vero e proprio ‘ribaltone’ rispetto all’ultimo decreto, che prescriveva il monitoraggio ed eventualmente l’abbattimento”.

Il magistrato dispone infatti che l’Azienda sanitaria, “nelle more della decisione collegiale sull’istanza cautelare, debba perseguire l’interesse pubblico inteso alla prevenzione epidemiologica monitorando la situazione e prescrivendo tutte le misure precauzionali e le soluzioni di natura tecnica – che la parte privata dovrà rispettare offrendo la massima collaborazione, eventualmente anche in funzione propositiva – in modo da consentire la salvaguardia dei suidi e l’isolamento assoluto degli stessi“. L’istanza della ricorrente e delle associazioni è dunque accolta e il decreto cautelare del 16 agosto è integrato in questo senso fino alla Camera di Consiglio del 12 settembre prossimo. In attesa degli sviluppi, le associazioni intervenute esprimono la propria “soddisfazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-19T16:44:21+02:00