hamburger menu

VIDEO | “Vi sparo, ti ammazzo”. Ruberti, capo di gabinetto di Gualtieri, si dimette dopo la bufera

Un video del quotidiano 'Il Foglio' riprende una violenta lite che coinvolge il dirigente romano a Frosinone. Al suo posto Gualtieri promuove il vice, Nicola De Bernardini. Sulla scena anche Francesco De Angelis, che ritira la candidatura alle Politiche

Pubblicato:20-08-2022 11:37
Ultimo aggiornamento:20-08-2022 11:37
Canale: Politica
Autore:
ruberti_capo_gabinetto_gualtieri
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – A Roma scoppia il caso Albino Ruberti. Il quotidiano ‘Il Foglio’ pubblica sul suo sito un video che riprende una lite avvenuta a Frosinone in cui è coinvolto il capo di gabinetto del sindaco Roberto Gualtieri, già capo di gabinetto del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Il video fa subito il giro della rete e scatena la polemica politica, venendo ripreso, tra gli altri, anche da Carlo Calenda, che parla di “soave ambientino del Pd romano“. Ruberti decide dunque di fare un passo indietro e scrive una lettera a Gualtieri per presentare le sue dimissioni. Al suo posto, il sindaco promuove il vice, Nicola De Bernardini.

Nella clip, della durata di circa due minuti e mezzo, Ruberti utilizza un linguaggio molto violento, ripetendo più volte, riferito a persone non meglio precisate, frasi come: “Vi sparo, li ammazzo” o “Si deve inginocchiare e mi deve chiedere scusa entro cinque minuti”. Arriva subito la reazione del Pd: fonti del Nazareno spiegano che si tratta di “un episodio gravissimo che non può restare senza conseguenze“.

FRANCESCO DE ANGELIS RITIRA LA CANDIDATURE ALLE POLITICHE

Ma la pubblicazione del video ha un’altra conseguenza: il ritiro della candidatura alle elezioni politiche di Francesco De Angelis, ex assessore regionale ed europarlamentare del Pd e presidente del Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Frosinone, nonché membro della direzione nazionale dem, anch’egli presente durante la lite. “Pur essendo completamente estraneo al diverbio al quale ho solo in parte assistito, al fine di evitare strumentalizzazioni durante la campagna elettorale ho ritirato la mia candidatura per il Collegio di Roma 1, confermando tutto il mio impegno a supporto della lista del Partito democratico e di tutti i suoi candidati”.

E per il segretario dem Enrico Letta sono “entrambe scelte doverose e giuste” le dimissioni di Ruberti e il ritiro della candidatura di De Angelis.

LA PROCURA ACQUISIRÀ IL VIDEO

Nel video, Ruberti sembra avercela anche con il fratello di De Angelis, Vladimiro. Il litigio sarebbe iniziato in un ristorante – qualcuno avrebbe anche chiamato le forze dell’ordine – e i protagonisti, che si conoscono da anni, si sarebbero chiariti il giorno seguente: non risultano denunce in seguito all’episodio, ma oggi la Procura di Frosinone ha comunque fatto sapere di voler acquisire il video pubblicato dal Foglio per fare chiarezza sulla vicenda

LA LETTERA DI DIMISSIONI DI RUBERTI

“Confermo che quanto avvenuto trattasi di un litigio verbale durante una cena privata, che nulla ha a che vedere con il mio ruolo istituzionale“, scrive Ruberti nella lettera di dimissioni inviata a Gualtieri. “In particolare, ho reagito con durezza alla frase ‘mi ti compro’, che pur non costituendo in sé una concreta proposta corruttiva, mi ha portato a chiedere, con foga sicuramente eccessiva e termini inappropriati, di ritirarla immediatamente perché l’ho considerata lesiva della mia onorabilità“.

La lettera del dirigente al sindaco si conclude con la disponibilità “per ogni chiarimento che riterrai necessario”. Quindi, “per evitare strumentalizzazioni che possano ledere il tuo prestigio e quello dell’istituzione che rappresenti, con la presente rimetto il mio mandato da capo di gabinetto“, conclude Ruberti.

GUALTIERI: “FRASI RUBERTI GRAVI E INAPPROPRIATE, AL SUO POSTO DE BERNARDINI”

“Ringrazio Albino Ruberti per aver offerto le sue dimissioni a seguito della diffusione di un video che riporta una sua violenta lite verbale avvenuta in occasione di una cena privata svoltasi a Frosinone due mesi fa. Le frasi contenute nel video sono gravi e non appropriate per chi ricopre un incarico di questa delicatezza“. Lo scrive in una nota il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri.

“Al tempo stesso voglio rimarcare la straordinaria qualità del lavoro svolto da Ruberti come capo di gabinetto – prosegue il sindaco di Roma – la totale dedizione e l’impegno profusi, e ho sempre apprezzato la sua orgogliosa difesa dell’integrità e dell’autonomia dell’amministrazione comunale e delle sue scelte. Per questo, in attesa che venga chiarita l’effettiva dinamica dei fatti, ho preso atto delle dimissioni di Albino Ruberti e ho chiesto al vicecapo di gabinetto, Nicola De Bernardini, di assumerne le funzioni“.

SULLA SCENA ANCHE LA COMPAGNA SARA BATTISTI

Ad assistere alla lite c’è anche Sara Battisti, consigliera regionale e compagna di Ruberti, che prova ripetutamente a calmarlo. “Ti stai a sentire male”, gli dice. E poi: “Dai, su, adesso ce ne possiamo andare?”. Ma Ruberti non ha ancora sbollito la rabbia e replica: “Sara, se stai dalla parte loro io prendo le conseguenze“. E riparte con le invettive.

I MOTIVI DEL LITIGIO: “IO TI COMPRO”

Alla base della reazione furiosa di Ruberti, come si capisce dal video, ci sarebbe una richiesta ricevuta a tavola, forse da un tale Vladimiro, fratello della persona a cui si rivolge il dirigente. “Deve venire in ginocchio a chiedermi scusa sennò lo scrivo a tutti quello che mi avete chiesto a tavola – spiega concitato – Non si deve permettere di dirmi ‘Io ti compro’“. Ma Ruberti non ce l’ha solo con una persona e aggiunge, urlando: “Cinque minuti, qui, in ginocchio tutti e due. Vi sparo, ti ammazzo”. Poi il capo di gabinetto nomina anche un certo Adriano, mentre qualcuno avvisa: “Stanno chiamando i carabinieri, guarda che cazzo di scena..”.

RUBERTI: “LITE PER MOTIVI CALCISTICI”

Il video si conclude con l’urlo straziato di una donna, probabilmente la stessa compagna di Ruberti. Contattato da ‘Il Foglio’, il capo di gabinetto di Gualtieri parla di “una lite per motivi calcistici avvenuta circa due mesi fa con una persona che non voglio citare. Alla scena erano presenti anche Vladimiro e Francesco De Angelis con il quale ho ottimi rapporti. Niente di più”. Anche se nel video Ruberti dice chiaramente: “Sta merda de Vladimiro“. La versione del diverbio per motivi calcistici viene confermata anche dalla compagna Sara Battisti, contattata da ‘Il Foglio’.

LA REAZIONE DELLE OPPOSIZIONI E DEL PD ROMANO

Il Movimento 5 Stelle e il centrodestra, dopo aver chiesto le dimissioni di Ruberti, ora invocano la revisione di tutti gli atti da lui firmati in qualità di capo di gabinetto. Una fibrillazione che però è ancora maggiore all’interno del Partito democratico: il segretario Enrico Letta ha parlato di “scelte doverose e giuste”, e nel partito romano, che arriva da settimane di intense discussioni per la composizione delle liste per il Parlamento, al momento regna la confusione. Litigi e fake news stanno gettando scompiglio nelle chat politiche dei dem, al punto da costringere il Campidoglio a ‘smentire’ un finto quanto improbabile lancio d’agenzia secondo il quale Gualtieri avrebbe intenzione di respingere le dimissioni dell’ex capo di gabinetto chiedendone la candidatura alla Camera al posto di De Angelis.

M5S: “PAROLE INACCETTABILI, ATTEGGIAMENTI DA GANGSTER”

“‘Ti sparo’, ‘vi ammazzo’, ‘inginocchiatevi’, ‘chiedi pietà’. Purtroppo stavolta non è un dialogo di Romanzo Criminale ma sono solo alcune delle espressioni usate dal capo di gabinetto del sindaco della capitale d’Italia nel corso di un inquietante alterco avvenuto in quel di Frosinone, ripreso da una videocamera e pubblicato dal quotidiano ‘il Foglio’. Tutto si sarebbe svolto in presenza di altri esponenti di spicco del Partito democratico che oggi dovrebbero sentire il dovere di spiegare i contorni di questa vicenda. E senza girarci attorno, i consiglieri del Movimento 5 Stelle e della Lista Civica Virginia Raggi chiedono due cose al sindaco Gualtieri: le immediate dimissioni di chi usa espressioni e atteggiamenti da ‘gangster’, tanto più che si tratta del suo capo di gabinetto, nonché il chiarimento della vicenda da cui sembrano emergere altre minacce e presunte richieste avvenute durante una cena”. Così in una nota il Movimento Cinque Stelle e la Lista civica Virginia Raggi in Campidoglio.

“Dopo aver dovuto sopportare che mister ‘Lei non sa chi sono io’, celebre frase pronunciata sempre dallo stesso personaggio all’epoca ancora capo di gabinetto del presidente della Regione Lazio, Zingaretti, agli agenti della Polizia locale di Roma che lo avevano sorpreso ad una cena in terrazza tra amici mentre il resto degli italiani erano costretti in casa da soli per il lockdown, entrasse in Campidoglio a gestire la città, oggi non è più possibile chiudere un occhio – proseguono i consiglieri capitolini di M5S e Lista Raggi – Siamo certi che il sindaco Gualtieri, da persona garbata qual è, vorrà allontanare immediatamente questa persona da sé e dall’amministrazione romana. È stato superato il limite della decenza e se Gualtieri coprisse questo scempio sarebbe complice di una grave offesa alla città”.

FDI: “ECCO IL VERO VOLTO DEL PD LAZIALE”

“Il ‘caso Ruberti’ svela il vero volto del Pd laziale, perso tra faide locali per la gestione del potere e personaggi a dir poco discutibili buoni per tutte le stagioni”. Così Laura Corrotti, consigliere regionale di Fratelli d’Italia.

LEGA: “SCUSE E DIMISSIONI NON BASTANO”

“Le scuse non bastano. Le dimissioni non bastano. Simili personaggi con la cosa pubblica non dovrebbero avere niente a che fare. Il Partito Democratico, che si erge a paladino di non si sa bene cosa, si rivela casa di personaggi che pensano di poter avere simili atteggiamenti violenti, minacciosi, prevaricatori e restare impuniti. La rinuncia alla candidatura di De Angelis non basta, rimetta immediatamente il mandato dai consorzi nel frusinate. Soprattutto pretendiamo da Zingaretti e da Gualtieri un chiarimento: l’ex capo di gabinetto di entrambi ed una consigliera regionale del PD è impossibile che non abbiano interessato i rispettivi referenti politici e rappresentanti istituzionali del contenuto di quella serata. Di cosa si parlava? O davvero credono che la storia dell’alterco per fede calcistica regga?“. Lo dichiara il coordinatore romano della Lega, Alfredo Becchetti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-20T11:37:58+02:00