Occupò la Regione Toscana per i fondi ai disabili, ora corre con Fattori alle prossime elezioni

Luigi Gariano, tra i leader del movimento per la Vita Indipendente, sarà candidato con Toscana a Sinistra alle elezioni regionali nella circoscrizione di Pisa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – Luigi Gariano, tra i leader del movimento per la Vita Indipendente, sara’ candidato con Toscana a Sinistra alle elezioni regionali nella circoscrizione di Pisa.
Gariano, 45 anni, affetto dal 2005 da una grave malattia neurodegenerativa, e’ impegnato da anni sui temi della disabilita’ e dell’associazionismo sociale: e’ attualmente vice-presidente dell’associazione A.S.Ha. e tra i fondatori del Movimento Rivoluzione Umana.

Nei giorni scorsi, inoltre, e’ stato protagonista di una clamorosa protesta pacifica che l’ha visto asserragliarsi per nove giorni e otto notti consecutive all’interno del palazzo della Regione, in piazza Duomo a Firenze, per chiedere alla giunta regionale di incrementare i fondi per i progetti di “vita indipendente” destinati alle persone con disabilita’ gravi. Un’iniziativa, per altro, sostenuta anche da Beppe Grillo attraverso i propri canali social.

“Ho deciso di candidarmi nelle liste di Toscana a Sinistra perche’ credo fortemente nel lavoro svolto da Tommaso Fattori e nel suo impegno per i beni pubblici, quali l’acqua, la sanita’ e l’attenzione per l’ambiente e lo sviluppo ecologico”, ha detto Gariano. “Mi candido come rappresentante ed espressione del Movimento Rivoluzione Umana per affermare i diritti umani di tutti e contrastare una politica egoista che in Toscana guarda sempre piu’ a se stessa e non al bene comune. Chi in questi anni ha amministrato la nostra regione ci sta portando inesorabilmente indietro sul tema dei diritti fondamentali della persona e questo non dobbiamo permetterlo. La lista di Toscana a Sinistra e’ l’unica realta’ politica che si batte davvero su questi temi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»