Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Indonesia, gli indigeni protestano: a fuoco il parlamento di Papua Ovest

Le proteste esplose dopo l'arresto di 43 studenti per vilipendio della bandiera indonesiana (Foto di repertorio)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A Manokwari, nella provincia indonesiana di Papua Ovest, il palazzo dell’assemblea legislativa locale è stato incendiato, in una manifestazione dove migliaia di persone hanno accusato le forze di sicurezza di razzismo.

La rabbia dei dimostranti verso le autorità di Jakarta è esplosa dopo l’arresto, nei giorni scorsi, di 43 studenti in relazione a un episodio di vilipendio della bandiera indonesiana.

I giovani, 40 ragazzi e tre ragazze, sono stati prelevati ieri in un dormitorio studentesco della città di Surabaya per essere interrogati sull’accaduto e poi rilasciati. Durante l’interrogatorio, avrebbero subito, secondo fonti di stampa concordanti, minacce e insulti razzisti.

In concomitanza con la festa dell’indipendenza dal dominio olandese, che ricorreva sabato, il filmato di un giovane che gettava la bandiera nazionale in una fogna aveva causato indignazione e proteste. Prima sui social network, poi all’esterno del dormitorio studentesco, dove sembra che l’autore del gesto fosse rientrato dopo i fatti.

Da decenni la regione indonesiana della Nuova Guinea è attraversata da tensioni tra il movimento separatista e le forze di sicurezza indonesiane, più volte accusate di violazioni dei diritti umani.

“Il governo indonesiano ha ristretto l’accesso a internet per ‘limitare le bufale’- ha scritto su un social network l’avvocata per i diritti umani Veronica Koman- non ho visto nessuna bufala oggi. Le proteste di oggi sono le più grandi da anni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»