Salvini: “A settembre ci bastoneranno, voi siate pronti”

ROMA - "L'apprezzamento degli italiani" per il governo "è ai massimi storici" ma "c'è qualcuno che è meno contento" per
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’apprezzamento degli italiani” per il governo “è ai massimi storici” ma “c’è qualcuno che è meno contento” per il successo dell’esecutivo Lega-M5S. Quindi “cercheranno in ogni maniera di stroncare l’esperimento italiano” con “il debito pubblico, e lo spread, e il declassamento delle agenzie di rating, e i richiami e le penalità”. Allora “inizieranno a bastonare” e “ci sarà bisogno di voi, della vostra reazione, quindi dobbiamo essere pronti”. Matteo Salvini, vice presidente del Consiglio e ministro dell’Interno, lo dice in comizio a Viareggio, in diretta su RaiNews24, senza specificare chi sia l’oggetto della sua denuncia.

“Io ho ancora un dubbio, ve lo posso dire così? Siamo al 19 di agosto, non per mettere le mani avanti ma siccome so come gira il mondo- dice Salvini- Questo governo è partito da due mesi e mezzo, è partito facendo cose giuste, l’apprezzamento degli italiani è ai massimi storici, nessun governo aveva questo sostegno. Noi siamo contenti ma c’è qualcuno che è meno contento, perché se l’Italia dimostra che un governo che non dipende dai soliti, dai banchieri, dai finanzieri, dai poteri forti fa quel che deve fare e la gente è contenta, quelli sono terrorizzati perche dicono ‘se lo fanno gli italiani allora lo fanno anche 9i francesi, lo fanno i tedeschi, lo fanno gli olandesi, lo fanno i portoghesi…’. Quindi cercheranno in ogni maniera di stroncare l’esperimento italiano” con “il debito pubblico, e lo spread, e il declassamento delle agenzie di rating, e i richiami e le penalità”.

Ciò detto “noi oggi siamo qua, contenti, convinti e orgogliosi, io e noi non molliamo di un millimetro però appena inizieranno a bastonare ci sarà bisogno di voi, della vostra reazione, quindi dobbiamo essere pronti”, conclude il vice presidente del Consiglio e ministro dell’Interno.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»