Aborto, Sds Mussoni: “Impegno per sostenere la vita”

SAN MARINO -  Serve un forte impegno per potenziare le politiche di accoglienza e sostegno alla vita: lo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO –  Serve un forte impegno per potenziare le politiche di accoglienza e sostegno alla vita: lo ha ribadito Francesco Mussoni, segretario di Stato per la Sanità, nel dibattito che ha arricchito il programma della giornata inaugurale della Festa dell’Amicizia. Ieri sera dunque, sulla terrazza dell’Ex-Ritrovo a Serravalle, si è tenuta la prima serata politica sul tema “È uno di noi: tutela, accoglienza e valore sociale della vita nascente” che ha visto come relatori oltre Mussoni, il segretario di Stato Pasquale Valentini, Lara Berzanti,del Servizio Famiglia e Vita della Comunità Papa Giovanni XXIII, Paolo Marchionni, medico legale, e Pino Morandini, del Movimento per la vita.

festa_amicizia_san_marino_

Nel suo intervento, Mussoni ha sottolineato tutti gli sforzi fatti, da parte dello Stato sammarinese, per il mantenimento dello stato sociale. “Noi abbiamo l’obiettivo di non abbandonare nessuno- ha spiegato- siamo contrari all’aborto e vogliamo assicurare tutti gli strumenti di sicurezza sociale che il nostro sistema riconosce per accompagnare le persone quando sono in difficoltà”.

Il segretario di Stato ha quindi parlato delle istanze d’Arengo in tema di aborto che approderanno nel Consiglio della prossima settimana, considerandole “provocazioni” a livello istituzionale. Quindi l’invito rivolto al suo partito, il Pdcs, a continuare nell’azione di dialogo con associazione e società civile “per giungere a proposte legislative a difesa della vita”. Sulle alle istanze si è espresso anche il segretario di Stato per gli Affari esteri: “Non ci sono motivazioni ragionevoli che giustifichino la legalizzazione dell’aborto”, ha chiarito. Non solo, per Valentini mantenere la legislazione attuale, che vieta l’aborto, costituisce “una importante testimonianza per l’Europa, su come la tutela e l’accoglienza della vita siano un bene per lo Stato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»