Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sud Sudan, l’Unicef denuncia: “650 bambini reclutati da gruppi armati”

Da quando ha avuto inizio nel dicembre 2013 la crisi del Sud Sudan si stima che circa 16.000 bambini siano stati reclutati da gruppi e forze armate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bambini soldato minoriROMA – Dall’inizio di quest’anno più di 650 bambini sono stati reclutati da gruppi armati in Sud Sudan. È quanto sostiene l’Unicef.

Da quando ha avuto inizio nel dicembre 2013 la crisi del Sud Sudan si stima che circa 16.000 bambini siano stati reclutati da gruppi e forze armate.

L’UNICEF afferma che i bambini continuano ad essere reclutati e utilizzati da gruppi e forze armate, nonostante l’impegno politico diffuso per porre fine alla pratica.

Dal momento che sono scoppiati i combattimenti nel dicembre 2013:

– Circa 900.000 bambini sono sfollati;

– Più di 13.000 bambini sono scomparsi, sono stati separati dalle loro famiglie o sono non accompagnati;

– Oltre la metà di tutti i bambini del Sud Sudan sono fuori dalla scuola. E’ il paese che ha la più alta percentuale al mondo di bambini in età scolare che non va a scuola

– 250.000 bambini si trovano ad affrontare una grave malnutrizione acuta.

Temendo che il riaccendersi del conflitto potrebbe mettere più che mai a rischio decine di migliaia di bambini, l’UNICEF ha chiesto la fine immediata dei reclutamento e il rilascio incondizionato di tutti i bambini da parte di gruppi armati.

La paura di un nuovo picco di reclutamenti

“Il sogno che abbiamo tutti condiviso per i figli di questo giovane paese è diventato un incubo“, ha dichiarato il ViceDirettore generale dell’UNICEF Justin Forsyth, al suo ritorno da una missione a Bentiu e Juba, nel Sud Sudan.

“In questa fase precaria nella breve storia del Sud Sudan, l’UNICEF teme che un ulteriore picco di reclutamenti di bambini potrebbe essere imminente“.

Nel 2015 l’UNICEF ha supervisionato il rilascio di 1.775 ex bambini soldato in quello che era uno dei più grandi piani di smobilitazione dei bambini di sempre. I nuovi combattimenti e il reclutamento in Sud Sudan rischia di minare gran parte di questi progressi.

L’UNICEF ha inoltre evidenziato un aumento di gravi violazioni, sottolineando che la violenza di genere, già diffusa in Sud Sudan, si è notevolmente intensificata durante l’attuale crisi. “I bambini continuano a subire prove terribili”, ha detto Forsyth. “I recenti rapporti indicano diffuse violenze sessuali contro ragazze e donne. L’uso sistematico dello stupro, lo sfruttamento sessuale e il sequestro come arma di guerra in Sud Sudan devono cessare, insieme con l’impunità per tutti i responsabili”.

L’UNICEF ha osservato che è urgente l’accesso incondizionato a tutti gli interventi umanitari a Juba e in tutte le altre parti del paese, in modo da fornire sostegno, protezione e assistenza a bambini e donne in tutto il paese. “Senza un’area umanitaria pienamente operativa, le conseguenze per i bambini e le loro famiglie saranno catastrofiche”, ha concluso Forsyth.

LEGGI ANCHE

Sud Sudan, Onu: “Almeno 120 abusi sessuali tra i civili”

Sud Sudan, l’Ua propone esercito di riconciliazione

Sud Sudan, ambasciatore Lobasso: “Khartum molto preoccupata”

Sud Sudan, cooperante: “Alta tensione, non solo a Juba”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»