Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In occasione del G20 tre eventi targati il Future Food Institute a Napoli e Pollica

"Terza tappa di questo viaggio, che sostiene il lavoro dei policy makers e rivendica la vitale importanza del cibo per le sue tante implicazioni culturali, sociali, istituzionali ed ambientali", spiega la presidente del Future Food Institute Sara Roversi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – In occasione del G20 Ambiente, Clima ed Energia che si terrà a Napoli, il Future Food Institute organizza una serie di iniziative collaterali ufficiali, riconosciute da All4Climate Italy del ministero per la Transizione ecologica. Si tratta di tre eventi principali che si terranno il 22 luglio a Napoli e il 23 e il 24 luglio a Pollica (Salerno), ognuno dedicato ai temi della riunione ministeriale: Ambiente, Energia e Clima.

“Il Future Food Institute, allo scopo di promuovere e valorizzare il ruolo del cibo all’interno delle tematiche del G20, specie in occasione di questa prima presidenza Italiana, sta organizzando una serie di eventi collaterali alle ministeriali per noi più strategiche. Quella di Napoli, sul tema ambiente, clima ed energia – spiega la presidente del Future Food Institute Sara Roversi – è la terza tappa di questo viaggio, che sostiene il lavoro dei policy makers e rivendica la vitale importanza del cibo per le sue tante implicazioni culturali, sociali, istituzionali ed ambientali. A Napoli e a Pollica, sede del nostro campus internazionale Paideia su ecologia integrale e dieta mediterranea, porteremo decine di esperti da tutto il mondo ed ospiteremo anche il direttore generale della Fao, nostro partner principale per il programma su cibo, clima e innovazione, che comprende la formazione di centinaia di climate shapers. Uniamo così l’attivismo della società civile, la responsabilità imprenditoriale italiana e la politica internazionale, per generare un impatto significativo e garantire la costruzione di un futuro corale e sostenibile”.

Il 22 luglio il Future Food Institute, insieme a Città della Scienza a Napoli, propone una serie di eventi per indagare le complesse relazioni tra cibo e ambiente, promuovere lo sviluppo sostenibile a livello mondiale e dimostrare l’impegno della scienza a sviluppare soluzioni che mirano alla riduzione del nostro impatto sull’ambiente e a rendere le società più resilienti ai cambiamenti climatici. Questa iniziativa si inquadra nel contesto di Food For Earth, un progetto a lungo termine organizzato dal Future Food Institute e dalla Fao, nel quadro di una collaborazione che mira ad accelerare la transizione ecologica dei sistemi agroalimentari globali, responsabilizzando e connettendo change maker, scienziati, innovatori, industrie ed istituzioni.

In seguito, al Castello dei Principi Capano di Pollica, sede del centro studi Dieta Mediterranea “Angelo Vassallo”, la presentazione del libro “Vi teniamo d’occhio”, di Potito Ruggiero, greenager e attivista ambientale, edito da Baldini & Castoldi e scritto a quattro mani con Federico Taddia, divulgatore bolognese, e il contributo scientifico di Elisa Palazzi.

Il 23 luglio le iniziative convergeranno sull’ultimo tema della riunione ministeriale del G20, Clima, nonché sui tre pilastri del G20 nel suo insieme: Persone, Pianeta e Prosperità. Si terrà a Pollica un incontro sul tema delle disuguaglianze e le pari opportunità in materia di salute, istruzione, occupazione e sviluppo umano. Verrà presentata in anteprima mondiale la ricerca “Nutrition for All” curata dal Future Food Institute e supportata da Dole. Si tratta di un white paper che mira a rispondere al quesito: “Come possiamo garantire l’accesso alla nutrizione (di qualità) per tutte le persone a prescindere da fattori come genere, razza, stato socioeconomico, senza compromettere i mezzi di sussistenza di (piccoli) agricoltori e il nostro pianeta?”.

Sempre nella sede del centro “Angelo Vassallo”, alle 17, verrà ospitata la tavola rotonda della rete Bites of Transfoodmation, un’iniziativa che riunisce giovani menti motivate per fare squadra e cambiare il futuro del sistema alimentare. Alle 18, invece, il panel “Food For Earth, Energy For Life” e, a seguire, la presentazione del libro “Open Diplomacy”, di Marco Alberti. Un altro evento vedrà come protagonisti i ragazzi del programma sperimentale di alternanza scuola/lavoro “Trame Mediterranee”, già in sede da due settimane per ricercare e studiare i valori che sottendono la dieta mediterranea, insieme alla rete internazionale di giovani changemakers di Bites of Transfoodmation, con gli invitati e le istituzioni che dall’evento collaterale ufficiale alle ministeriali su Ambiente, Clima ed Energia si ritrovano a Pollica per discutere del futuro dei sistemi agroalimentari del bacino del Mediterraneo. Il 24 luglio, terzo e ultimo giorno, sarà dedicato al dialogo con la comunità e le istituzioni locali sul Mediterraneo come modello di stile di vita sostenibile, nella cornice della strategia Europea Farm To Fork.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»