Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mancini: “Bellissima la festa a Roma, questa Nazionale resterà nella storia”

chiellini mancini europei
Il ct azzurro parla alla testata tedesca 'Sport 1': "Non sono un festaiolo ma sono contento per come sono stati accolti i ragazzi, questo è un grande gruppo. Europeo vinto con merito"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Davvero una bella sensazione” essere campione d’Europa, “ma non sono un festaiolo, non lo sono mai stato”. Passata la sbornia per il titolo europeo conquistato con l’Italia nella finale di Wembley, Roberto Mancini torna a parlare. E lo fa con la testata tedesca ‘Sport 1’. “Sono felice per tutti gli italiani nel mondo – ha detto ancora il ct – Abbiamo festeggiato chiaramente, ma è successo tutto molto velocemente. Mi è passato davanti come un film. Non avevamo preparato nulla. Ma siamo stati accolti da così tante persone per le strade di Roma che è stato semplicemente bellissimo. È stato un momento straordinario che dura ancora. E questo apparteneva interamente ai miei ragazzi, avevano ragione a viverlo. Ora tutti sono in meritata vacanza da campioni d’Europa”.

LEGGI ANCHE: Mattarella, la Royal Family, Chiellini e Saka: ecco i meme più belli degli Europei

Mentre gli azzurri hanno festeggiato, lui ha preferito godersi in maniera più sobria il titolo vinto: “Non sono un festaiolo, non lo sono mai stato. Ma è stato davvero bello festeggiare. Soprattutto per il popolo italiano. Penso che la gente continuerà a festeggiare per tutta l’estate”. Secondo Mancini, per l’Italia essere campione d’Europa “significa tanto. Siamo tutti felici perché abbiamo creato qualcosa di straordinario. Questa Italia resterà nei libri di storia. Tanto di cappello ai miei giocatori”.

LEGGI ANCHE: Nuovo poster Panini celebra la vittoria a Euro 2020 con 30 super figurine degli Azzurri

Per provare a spiegare il segreto del successo, Mancini fa un salto indietro: “Abbiamo iniziato 3 anni fa e abbiamo continuato il nostro percorso con dei ragazzi molto bravi. Si è creato un grande spirito di squadra e questi ragazzi hanno voluto mettersi in mostra agli Europei. Hanno dato tutto e tutto è andato molto bene. Ecco perché alla fine ce l’abbiamo fatta – ha detto il commissario tecnico – Dopo la mancata qualificazione al Mondiale 2018 eravamo a terra, ma tutti i giocatori hanno fatto vedere la loro voglia di riscatto. Si sono allenati duramente per tutto il nostro Paese. Abbiamo creato una squadra fatta da giovani e più esperti e si è creata subito unità. Anche chi era meno conosciuto all’estero adesso si è fatto un nome in questo Europeo”.

LEGGI ANCHE: Mattarella consegna ‘motu proprio’ onorificenze a giocatori e staff della Nazionale

Sui singoli protagonista dell’impresa, ha detto: “Tutta la squadra ha creato molta simpatia in tutti, che hanno visto un volto nuovo della Nazionale italiana. Abbiamo giocato un buon calcio e abbiamo vinto meritatamente, anche se non è stato tutto facile. Chiellini e Bonucci hanno avuto un ruolo importante naturalmente, se lo sono meritato visto che hanno fatto la storia del calcio italiano degli ultimi 20 anni. Ora io immortale? Difficile dirlo, è una parola grossa. Questo successo è per tutti gli italiani che hanno sofferto tanto per il Coronavirus: per i ragazzi non è stato facile restare a casa senza andare a scuola o giocare con gli amici”. Infine, il ricordo degli ultimi istanti della finale con l’Inghilterra, a partire dall’ultimo rigore: “Ero molto emozionato in quel momento. E naturalmente mi sono venute le lacrime agli occhi. Sono stati 50 giorni estenuanti e pieni di emozioni. Ecco perché ho dovuto piangere, tutta la tensione mi è venuta fuori”.

L’EUFORIA DI BONUCCI: “SOGNO O È SUCCESSO DAVVERO?”

E a conferma del fatto che l’entusiasmo in casa azzurra non si è ancora spento, Leonardo Bonucci torna sulla vittoria di Wembley postando su Instagram la foto della premiazione e commentando: “Sono esattamente 7 notti che faccio lo stesso sogno. O è successo davvero?”. Con tanto di faccina divertita, emoji della coppa e hashtag #campionideuropa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»