Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Veneto obbligo di tampone per chi arriva dai Paesi europei “con criticità”

tampone rapido covid
Il governatore Zaia firma l'ordinanza: chi arriva o rientra da alcuni Stati (tra cui Francia, Regno Unito e Spagna) dovrà sottoporsi a un test antigenico o molecolare all'aeroporto o comunque entro 24 ore dall'ingresso nella regione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Chi arriva in Veneto da Regno Unito, Malta, Spagna, Grecia, Slovenia, Croazia, Paesi Bassi, Belgio, Portogallo, Francia, Cipro, Lussemburgo, Romania e Bulgaria, e non ha ancora ricevuto la vaccinazione contro il Covid, dovrà effettuare un tampone antigenico o molecolare direttamente all’aeroporto al momento dell’arrivo, o al limite in uno dei punti tampone entro 24 ore dall’ingresso in Veneto. Lo prevede l’ordinanza firmata oggi dal presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.


Il provvedimento prevede anche che gli operatori sanitari effettuino un tampone prima di rientrare al lavoro dopo un periodo di ferie di almeno tre giorni, indipendentemente da quale sia stata la loro meta di vacanza. Gli armatori delle navi da crociera che attraccano nei porti veneti dovranno far effettuare il tampone ai passeggeri che intendono scendere. In generale, infine, tutti coloro che entrano in Veneto da un Paese estero sono invitati ad effettuare un tampone, e per agevolare la cosa i centri regionali continueranno ad effettuare tamponi gratuiti, così come gli appositi presidi sanitari che saranno attivati in porti e aeroporti.

Si tratta di un’attività prudenziale che riguarda in particolar modo alcuni Paesi europei per i quali l’Ecdc, l’European Centre for Disease Prevention and Control, segnala delle criticità”, spiega Zaia. “Peraltro anche in Veneto abbiamo casi di positività al rientro, poi trasmessa a soggetti che finiscono in ospedale oppure in terapia intensiva. In via di estrema cautela per la salute dei cittadini, per chi rientra da questi Paesi Europei, e che non è vaccinato, si fa obbligo di effettuare un tampone, dando l’opportunità di effettuarlo, o all’arrivo in aeroporto, o in uno dei centri tampone del territorio”. Si tratta di “un lavoro di prevenzione – ribadisce il governatore – Vediamo che la campagna vaccinale sta funzionando anche in relazione ai soggetti ricoverati. Perciò è necessario che tutti ci mettiamo d’impegno nel collaborare per mantenere viva l’azione di screening nella popolazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»